Il 2xmille piace agli italiani, 15 milioni ai partiti. In testa il Pd

Pd

Cresce il numero di contribuenti che decidono di devolvere parte dei redditi ai gruppi politici

Come già accaduto l’anno scorso, anche quest’anno il Pd risulta essere il primo partito tra quelli a cui i contribuenti hanno scelto di devolvere il 2xmille in dichiarazione dei redditi.

Secondo quanto emerge dai dati forniti dal Mef (che si riferiscono alle dichiarazioni dei redditi del 2017, anno di imposta 2016) il Pd non solo resta saldo nelle preferenze dei contribuenti, ma registra anche un aumento delle donazioni rispetto all’anno precedente, quando al partito andarono 6,4 milioni da 491mila contribuenti.

Quest’anno, infatti, il Pd sfiora gli 8 milioni di euro arrivati da oltre 600mila dichiarazioni dei cittadini: il 49,05% del totale delle scelte.

Attraverso il 2xmille, in totale nel 2017 (anno d’imposta 2016) gli italiani hanno destinato circa 15 milioni di euro ai partiti politici. Di questi quasi 8 milioni sono andati al Partito democratico con 602.490 contribuenti (1,5 su 100). Al secondo posto, ma molto indietro rispetto ai Dem, la Lega con quasi due milioni e 172mila contribuenti.

Seguono Forza Italia con più di 850mila euro da parte di 62.284 contribuenti e Fratelli D’Italia-Alleanza Nazionale scelti da 64.682 contribuenti e a cui vanno 789.937 euro. Poi Sinistra Ecologia e Libertà con 753.985 euro e il Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea con 611.337 euro. Della lista non fa parte il Movimento 5 Stelle, proprio per il fatto di essere un movimento e non un partito.

La misura sembra piacere agli italiani e aumenta in assoluto il numero di contribuenti che destina parte delle proprie tasse ai partiti: erano stati 11,7 milioni nel 2016 (redditi 2015), sono aumentati a 15,3 milioni con le dichiarazioni 2017.

 

Vedi anche

Altri articoli