I 70 anni di D’Alema, un brindisi con il suo “Sfide”

Focus

Ora è nel limbo della politica, chissà se la passionaccia per la politica è sempre in agguato

Dunque sono 70 le candeline che oggi Massimo D’Alema dovrà spegnere, l’età saggia di ne ha viste tante e tante ne ha fatte, nel bene e nel male, comunque sempre con la passionaccia dei vent’anni. Noi che ce lo ricordiamo al Congresso della Fgci del 1978 – durante i terribili 55 giorni del rapimento Moro! – avvertiamo come questa maledetta invenzione che chiamiamo “tempo” è sul serio una brutta cosa: sembra ieri che D’Alema era il capo prima dei giovani comunisti, poi dei postcomunisti, poi addirittura del governo italiano (e quanto si commuoveva Cossiga per aver portato il primo comunista a Palazzo Chigi!).

  • Ora ha scelto il limbo della sua Fondazione, il buen 7retiro umbro, qualche discorso qua e là, forse dopo tanti anni e relative batoste non gli va più. Il mondo è cambiato, la gente pure. Le idee sfuggono, stritolate da un tempo cupo che non lascia grandi speranze.

Massimo D’Alem è invecchiato, come tocca a tutti, ma la passionaccia è sempre in agguato. Chissà. E comunque, in alto i calici idealmente col suo vino chinato non casualmente “Sfide”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli