Anas-Ferrovie, il governo pensa solo alle poltrone

Focus

Per qualche poltrona in più si getta a mare una grande opportunità che i governi del Pd hanno costruito con pazienza e tempo

Ancora una volta è la Lega a imporre la linea. Smembrare la fusione tra Ferrovie dello Stato e Anas detta Salvini. L’altro vicepremier Di Maio e il ministro delle Infrastrutture Toninelli eseguono, e non fa niente se il M5S “pesa” il doppio del Carroccio nell’esecutivo e in Parlamento.

E il presidente del Consiglio sta a guardare, un copione consueto da quando è nato l’esecutivo. Dividere di nuovo le due aziende è un indirizzo sbagliato e inspiegabile. Un ritorno al passato. Equivale a voltare le spalle al futuro e a un grande progetto industriale capace di dare corpo ad un player internazionale delle infrastrutture, un’occasione per la crescita economica e
l’affermazione del “brand” italiano anche nel settore dell’intermodalità ferro/gomma oltre i confini. Perché lo stop? Non c’è argomentazione di politica industriale che possa reggere. L’unica spiegazione è l’appetito di incarichi e nomine, l’evidente volontà di occupare postazioni di potere, di dividere tra i due partner le poltrone di aziende che fatturano miliardi ogni anno.

Per qualche poltrona in più si getta a mare una grande opportunità che i governi del Pd hanno costruito con pazienza e tempo, allo scopo di dare vita ad una struttura in grado di reggere la competizione internazionale. Portare Anas in Ferrovie è un progetto industriale con un fatturato di 11 miliardi di euro e più di 100 miliardi di investimenti programmati per i prossimi dieci anni: molti di questi riguardano l’integrazione ferro-gomma, i collegamenti tra le città e la connessione dei porti, soprattutto del mezzogiorno.

Stiamo parlando di una azienda con oltre 80mila dipendenti e centinaia di ingegneri e professionisti che imprese d’ogni parte del mondo vorrebbero avere. E non è vero che Ferrovie ed Anas abbiano missioni differenti come, con buona dose di semplificazione, si sente dire perché quando si costruisce una ferrovia o una strada servono gli ingegneri che tirano su ad esempio i ponti e quelli che si occupano delle connessioni tra le opere. C’è quindi una grande potenzialità di sinergie e risparmi per centinaia di milioni, valorizzazione delle professionalità, possibilità di inserirsi sui mercati internazionali, non solo europei.

Questo governo, come dimostrano anche le vicende dell’Ilva e di Alitalia, manca di una visione di politica industriale, preferisce in alcuni casi la logica del rinvio – anche se narrata con grandi descrizioni e ricorso a impegnativi espressione tipo “stiamo scrivendo una pagina di storia” – ed in altri quella di chiudere le porte all’innovazione e allo sviluppo. C’è un mix allarmante di rifiuto pregiudiziale delle infrastrutture e di desiderio di spartizione di poltrone. La linea dei nostri governi è stata sempre chiara e semplice: le opere non devono essere né grandi né piccole ma utili. Utili ai cittadini e non a questo o a quello.

E devono essere progettate e realizzate con i costi giusti e nel pieno rispetto degli impatti ambientali. Con la spending review abbiamo rivisto progetti e tagliato le spese per alcune opere, tra cui la Torino Lione. Cancellando la Legge Obiettivo che
era stata voluta dal governo dove c’erano Forza Italia e la Lega abbiamo inteso dare un consistente colpo agli sprechi, ai ritardi e a quelle pratiche in uso per far lievitare i costi dei lavori.

Buone opere, opere utili nel rispetto della legge e dell’interesse generale si possono fare e i nostri governi hanno dimostrato che è possibile. A patto di avere una visione. A patto di riuscire a guardare lontano e non certo a fermare le lancette dell’orologio per un pugno di nomine in più.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli