Federica Angeli insultata dalle donne del clan Spada

Focus

La giornalista accorsa sul posto per seguire lo sgombero di una casa popolare occupata da Vincenzo Spada è stata insultata dalle donne del clan

Lo sgombero dell’alloggio popolare al numero 20 di via Ingrao, Nuova Ostia, alloggio in cui risiede Vincenzo Spada, uno dei nipoti del boss Carmine, è diventato un occasione per i membri della famiglia criminale di insultare la cronista di Repubblica Federica Angeli.

La Angeli da tempo è impegnata in inchieste riguardanti la famiglia, e da tempo è costretta a vivere sotto scorta a causa delle minacce che il clan le ha riservato. E questa mattina, mentre faceva il suo lavoro di cronista, ha subito l’ennesimo episodio. Le donne della famiglia, segnatamente Desiré e Alessandra Salera, moglie e cognata di Ottavio Spada, in carcere al 41bis per mafia, hanno iniziato a insultare la cronista durante lo sgombero.

Oltre agli insulti a buon mercato alla cronista di Repubblica hanno intrattenuto gli agenti e le telecamere con fantasiose ricostruzioni. Sì perché sarebbero stati proprio i collaboratori di giustizia, secondo le due, a lanciare sul balcone della casa dei genitori un ordigno costruito artigianalmente. La pentita in questione è Tamara Ianni, che con le sue ricostruzioni ha contribuito all’arresto di 32 persone del clan Spada. Un avvertimento che è arrivato alla vigilia del processo d’appello ad alcuni ritenuti componenti il clan del litorale romano.

Per le due la giornalista non merita la scorta: i soldi per la scorta a questa ce li hanno (è il sunto del loro discorso esclusi gli insulti).

Tanti i messaggi di solidarietà alla giornalista.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli