Appendino e M5S ai ferri corti, la sindaca minaccia di dimettersi

Focus

Il motivo della tensione tra la prima cittadina di Torino e i consiglieri grillini è la candidatura alle Olimpiadi invernali 2026

Un vero e proprio scontro interno al Movimento 5 stelle: è stata una riunione molto tesa quella tra la sindaca di Torino Chiara Appendino e i consiglieri grillini in Comune. Il tema della lunghissima discussione durata sette ore e conclusasi solo a notte fonda, era la candidatura della città alle Olimpiadi invernali del 2026. La sindaca, i vertici M5S e gli esponenti pentastellati del governo sono favorevoli alla proposta, mentre tra i consiglieri pentastellati si è aperto, fortissimo, il fronte del no.

Questa volta la distanza tra la sindaca e i consiglieri del suo stesso partito sembra incolmabile e Appendino, secondo le indiscrezioni, avrebbe addirittura a minacciato di dimettersi. Lei non ha intenzione di fare passi indietro e alla fine in riunione i consiglieri hanno dato il loro sì all’incontro di oggi tra la sindaca di Torino e il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Appendino spera nell’appoggio esplicito dell’esecutivo, anche perché al momento quello della maggioranza comunale non c’è.

Ma se il M5S ha concesso alla sindaca di incontrare l’esecutivo, ha però posto dei paletti e chiesto già per domani una nuova riunione della maggioranza pentastellata per continuare a discutere la questione della candidatura.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli