Il killer di Manhattan istruito dall’Isis

Focus

Uzbeko, 30 anni, “agisco per l’Isis”

Un altro “lupo solitario” che agisce -per conto dell’Isis. E in effetti non solo nel suo computer sono stati trovati materiali del sedicente Stato islamico ma era stato istruito dai terroristi islamici. È lui che ieri ha seminato la morte a Manhattan, 8 vittime e diversi feriti. Si chiama Saypullo Saipov, 30 anni, uzbeko, era da tempo negli Usa ed era già comparso nei radar delle autorità federali. Ha detto: “Volevo uccidere ancora.

Negli ultimi due anni l’Fbi stava indagando su cinque uomini dell’Uzbekistan e uno del Kazakistan che stavano costituendo una cellula logistica dell’Isis. Non è ancora chiaro, però, se Saipov fosse uno di loro o un conoscente del gruppo.

Barba lunga, incolta, alla talebana, come impone una delle Hadith, le parole e le azioni attribuite a Maometto. Tra i documenti del killer gli agenti hanno trovato la Green card, il permesso di soggiorno permanente negli Stati Uniti, e un appunto che rivendica la strage nel nome dell’Isis.

Saipov è ora in ospedale, secondo gli inquirenti che lo hanno interrogato è “abbastanza collaborativo”.

Donald Trump ne ha parlato come un “debole di mente”.

Ecco i fatti di di ieri sera a Manhattan.

Alle 15 ocali (le 21 in Italia) un veicolo, un pick-up noleggiato da Home Depot, si è schiantato contro un gruppo di ciclisti su una ciclabile lungo l’Hudson per poi finire contro uno scuolabus della Stuyvesant High School nella zona meridionale di Manhattan. Siamo vicino a Ground zero, non lontano da Wall street, in un’ora di grande traffico anche perché é Halloween, festa molto sentita negli USA.

L’uomo alla guida è sceso armato di due pistole e ha aperto il fuoco, urlando “Allah akhbar”.

A bordo del furgone – dove è stato poi trovato un documento attestante la sua “fedeltà all’Isis” – ha lasciato la West Street, la strada che costeggia l’Hudson, e ha percorso per oltre un chilometro la ciclabile a tutta velocità, seminando morte. Sei persone sono morte investite, altre due hanno avuto un infarto e sono state dichiarate morte in ospedale. Dai tempi delle Torri Gemelle, questo è il primo attentato terroristico di rilievo a New York, cioè con un numero così alto di vittime. Nel pick up del terrorista, lo scritto in arabo: “Agisco in nome dell’Isis”.

Infatti l’uzbeko aveva aperto il fuoco, urlando “Allah akhbar” prima di essere raggiunto dai colpi dell’agente Nash, il primo a giungere sul posto. Quindi sono scattate le indagini. L’incubo di Manhattan è finito ma non è finita la paura. Ha detto il governatore Cuomo, insieme al sindaco Bill De Blasio: “La vigilanza si rafforzerà ma continuate ad essere newyorkesi”.

Le vittime sono, come detto, 8. Fra queste 5 cittadini argentini volanti a New Yorh per il viaggio della maturità, trent’anni dopo. Diego, Damien, Ariel, Hernan e Alejandro, cinque vite spezzate dal furgone che ieri è piombato sulla folla a New York. Arrivavano dall’Argentina, i cinque amici, insieme ad altri quattro ex compagni di scuola, tutti tra i 45 e i 50 anni. Avevano scelto la Grande Mela per celebrare quella ricorrenza così speciale: i 30 anni dal diploma all’Instituto Politecnico di Rosario, terza città argentina a 300 chilometri da Buenos Aires.

Inseparabili tra i banchi di scuola, gli ex ragazzi della classe 1987 avevano voluto concedersi una gita per ritrovarsi e per riunirsi con chi a New York si era trasferito. Arrivati da qualche giorno, nell’assolato pomeriggio di ieri avevano optato per una passeggiata in bici, per godere delle strade e dei luoghi più iconici di Lower Manhattan.

Una passeggiata in bicicletta, l’ultima.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli