Bangladesh, l’Isis rivendica l’uccisione del cooperante Tavella

Focus

Cesare Tavella, 50 anni, stava facendo jogging quando gli hanno sparato più volte

Sarebbe stato l’Isis a uccidere a Dacca il cooperante italiano Cesare Tavella. La rivendicazione dell’omicidio è stata diffusa dalla formazione terroristica sui social media. Tavella è raggiunto da diversi colpi d’arma da fuoco mentre stava facendo jogging nella via delle ambasciate della capitale del Bangladesh.

A sparare sarebbero stati due uomini a bordo di una motocicletta, che sono fuggiti dopo l’attentato. La Farnesina ha confermato il decesso del connazionale e ha affermato che sta seguendo il caso ed è in stretto contatto con la polizia bengalese.

Il ministro degli esteri Paolo Gentiloni ha espresso il suo cordoglio, a nome del governo, per l’uccisione di Tavella e la sua vicinanza ai familiari. “Stiamo lavorando per verificare la rivendicazione di Daesh”, ha detto Gentiloni.

L’intelligence italiana sta approfondendo i contatti con i servizi collegati nell’area per verificare l’attendibilità della rivendicazione da parte dell Isis, rivendicazione che sembra presentare margini di ambiguità, anche se l’uccisione appare mirata e non frutto di rapina.

Secondo Rita Katz, direttrice del Site, il sito di monitoraggio del jihadismo del web, l’italiano sarebbe rimasto vittima della guerra tra Al Qaida e l’Isis per la supremazia del terrore nel Paese asiatico

Tavelli lavorava per la “Icco Cooperation” nell’ambito del progetto “Proofs” (Profitable Opportunities for Food Security) dove si occupava di agricoltura e di sostegno all’alimentazione. Una persona esperta, abituato a lavorare in strutture non governative dell’Asia.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli