Bce: la ripresa dell’Eurozona dovrebbe ampliarsi ma la Cina spaventa

Focus

La Banca centrale europea presenta il nuovo bollettino economico

Nell’area dell’euro prosegue il processo di ripresa e, in prospettiva, è atteso un ulteriore miglioramento. Anche gli Stati Uniti e il Regno Unito mostrano segnali di un recupero dell’attività economica, mentre in Giappone gli indicatori disponibili rivelano un indebolimento delle prospettive di crescita, dopo la vigorosa dinamica del primo trimestre.

È il quadro che emerge dal bollettino economico della Bce. Nel primo trimestre del 2015, sottolinea l’Eurotower, “la crescita trimestrale del Pil reale dell’area dell’euro si è confermata allo 0,4 per cento. L’espansione è stata sostenuta dalla domanda interna, attraverso i cospicui contributi dei consumi privati e adesso anche degli investimenti”. Per l’istituto di Francoforte, “i risultati delle ultime indagini congiunturali, fino a giugno, restano coerenti con il procedere di una crescita moderata nel secondo trimestre”.

Nonostante le note di ottimismo, la Bce resta comunque con i riflettori puntati sull’incertezza della stabilità finanziaria in Cina “lievemente aumentata dopo la brusca correzione dei mercati azionari nel mese trascorso”. Per questo, la Bce continuerà a seguire con attenzione la situazione dei mercati finanziari. “Se alcuni fattori dovessero indurre un inasprimento ingiustificato della politica monetaria – rassicura l’Eurotower – o se le prospettive per la stabilità dei prezzi dovessero mutare in modo sostanziale, il Consiglio direttivo reagirebbe ricorrendo a tutti gli strumenti disponibili nell’ambito del proprio mandato”

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli