Ok del Senato alla legge di Bilancio, ecco cosa prevede

Focus

Dalle assunzioni negli enti di ricerca al fondo dei risparmiatori danneggiati dalle banche: le principali norme della legge di Bilancio approvata in Senato

Il governo ha incassato la fiducia del Senato sulla legge di Bilancio con 149 sì, 93 no e nessun astenuto.

Ecco le principali misure previste dal provvedimento che passa ora all’esame della Camera:

Pensioni: Le 15 categorie di lavori gravosi escluse dall’aumento dell’età pensionabile a 67 anni che scatterà nel 2019 riguarda 14.600 persone. La norma recepisce l’intesa tra Governo, Cisl e Uil. I lavoratori interessati salgono a 15.400 nel 2020 per arrivare a 20.200 nel 2023 e 20.900 nel 2027. I maggiori oneri per il sistema valgono 100 milioni nel 2019 per giungere a 166 mln nel 2027. Inoltre si allunga da 4 a 7 anni, per le aziende private con più di 15 dipendenti, lo scivolo per i dipendenti in esubero.

Bonus Bebè: Diventa strutturale ma dal 2019 l’assegno di natalità viene dimezzato: da 960 a 480 euro l’anno. Il contributo vale solo per il primo anno di età. L’assegno è di importo pari a 480 euro annui (40 euro al mese) erogato mensilmente a decorrere dal mese di nascita o adozione dal 2019. Nel 2018 invece il bonus resta di 80 euro al mese (960 l’anno), “limitatamente alle mensilità spettanti”. Le coperture vengono cifrate in 195 milioni di euro per il 2019 e in 228,5 milioni a decorrere dal 2020.

Assunzioni PA: Sbloccate le risorse per assumere dal 2019 circa duemila persone negli enti di ricerca. Viene poi prorogata di un anno l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici.

Fondo risparmiatori: Cinquanta milioni in due anni per rimborsare i risparmiatori che hanno subito un danno finanziario “ingiusto” riconosciuto con sentenza passata in giudicato nell’ambito della vicenda delle 4 banche in risoluzione e delle banche venete.

Superticket: Ci sarà un mini taglio su diagnostica e specialistica da 60 milioni di euro a decorrere dal 2018 per agevolare l’accesso alle prestazioni sanitarie delle “categorie di soggetti vulnerabili” come minori, anziani, malati e redditi bassi.

Web tax: Dal 2019 imposta al 6% sulle transazioni digitali, gli intermediari finanziari faranno da sostituto di imposta. Entro il 30 aprile 2018 il ministero dell’Economia dovrà emanare un decreto ad hoc.

Comuni: Spazi finanziari ulteriori per la messa in sicurezza del territorio, aiuti sui crediti esigibili e sulle fusioni.

Caregiver: Un fondo per le persone che si prendono cura dei familiari non autosufficienti. Nel triennio 2018-2020 il fondo ha una dotazione di 60 milioni di euro, 20 mln l’anno.

Industria 4.0: Incrementata di 5 milioni, dal 2018, la spesa per favorire l’offerta formativa e lo sviluppo di competenze legate al processo Industria 4.0.

Librerie: Credito di imposta sugli importi spesi per Imu, Tasi e Tari per tutte le librerie ma con una agevolazione più alta per le piccole.

Scuole belle: Viene ampliato il campo di applicazione della norma limitato allo stato attuale ai soli lotti ove la Convenzione sia stata risolta, includendovi anche i lotti ove la convenzione scada, sia scaduta o non sia mai stata attivata.

Violenza donne: Il congedo per le vittime di violenza viene allargato anche alle lavoratrici domestiche.

Mutui Ischia: Sospese le rate dei mutui fino al 31 dicembre 2018 sugli immobili residenziali colpiti dal sisma.

CNEL: Indennità per gli esperti e rimborsi spese di viaggi e soggiorno “effettivamente sostenute e documentate” al presidente e ai membri del Consiglio.

Milleproroghe: Confluisce in manovra e contiene il divieto di incroci proprietari tra tv e giornali.

Parco unico delta del Po: Nasce il parco interregionale Emilia Romagna-Veneto.

Italiani all’estero: Un pacchetto del valore di 4 milioni di euro per il 2018 a sostegno degli italiani all’estero. Si va dalla promozione della lingua e della cultura italiana agli aiuti al Consiglio generale degli italiani all’estero, ai Comitati fino ai contributi per la stampa italiana all’estero e alle Camere di commercio.

Capitanerie di porto: Potenziate le risorse umane.

Radio: Dal 2020 potranno essere venduti solo apparecchi con una interfaccia che consente all’utente di ricevere i servizi della radio digitale.

Stewart stadio: Arrivano le deroghe al Jobs act per l’assunzione di steward per “assicurare il regolare svolgimento delle competizioni sportive”.

Partiti: Un fondo con dotazione di un milione di euro annui dal 2018 per finanziare gli archivi storici dei movimenti politici e degli organismi di rappresentanza dei lavoratori.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli