Biotestamento al rush finale. Voto giovedì

Focus

Entro la settimana l’ok della Camera alla legge sul fine vita

Si riparte dal biotestamento. L’aula di Montecitorio riprende i lavori dopo la pausa pasquale con il disegno di legge che disciplina l’interruzione dei trattamenti sanitari per i malati terminali, nel caso in cui vi sia una espressa volontà in tal senso.

Entro giovedì, visti i tempi contingentati della Camera,  potrebbe arrivare l’ok finale a una legge attesa da decenni. La prima proposta normativa sul fine vita risale al 1996 e porta la firma dell’attuale senatore del Pd Luigi Manconi.

L’esame del biotestamento è cominciato alla fine di marzo ma è stato caratterizzato da un continuo stop and go per consentire all’Assemblea di esaminare il decreto voucher, in aula nelle stesse ore .

Il disegno di legge, la cui relatrice a Montecitorio è la dem Donata Lenzi, ha fatto molto discutere anche per l’attualità della cronaca con i recenti casi di eutanasia assistita in Svizzera da parte di cittadini italiani, tra cui Dj Fabo.

A sostenere la prima legge sul fine vita in Italia c’è un fronte trasversale che comprende, ad ora, il Pd, i 5 stelle e tutta la componente di sinistra dell’emiciclo, da Articolo 1 a Sinistra italiana, contrari invece i centristi, anche quelli al governo come Ap, Forza Italia e le destre, Lega e Fratelli D’Italia. Il governo ha scelto di non intervenire rimettendosi all’Aula.
Restano ancora da votare un centinaio di emendamenti, anche se i tempi per intervenire stanno per esaurirsi.

Nelle settimane scorse è stato approvato il dibattutissimo articolo 1 che prevede la possibilità per il paziente di rifiutare l’idratazione e la nutrizione artificiale. Il punto più controverso della legge: per i sostenitori del biotestamento questi sono trattamenti medici, come chiarisce la letteratura scientifica e come dimostra il fatto che per somministrare i nutrimenti al paziente è necessario un medico che dosi attentamente le sostanza. Insomma, non si tratta di dare da bere e da mangiare a una persona, dicono i favorevoli. I contrari invece, dalla Lega a Forza Italia ai centristi, sostengono che si tratta di una “eutanasia nascosta”.

Domani si ricomincia dall’articolo 2. Le forze contrarie sperano di riuscire a far slittare ancora l’approvazione prevista in settimana. Mentre l’auspicio del Pd è di arrivare in porto, anche perché il passaggio più delicato, quello dell’articolo 1, è ormai superato.

Tema rilevante anche quello contenuto nel secondo articolo che si occupa della disciplina del consenso informato per minori e incapaci. Oggi si è riunito il comitato ristretto per esaminare gli emendamenti che saranno votati domani ma difficilmente ci saranno modifiche sostanziali al testo licenziato, poiché è già il frutto di un compromesso tra le forze politiche che hanno deciso di sostenere la legge.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli