X

Bolle di grande televisione, brava Rai

Un successone. Ancora una volta Roberto Bolle ha fatto centro, scoprendosi artista perfetto anche per il mezzo televisivo. Trionfo di critica e di pubblico, come a teatro: ieri sera lo hanno seguito quasi 5 milioni di italiani.

Grande spettacolo. Lui, il Roberto nazionale, ha ancora una volta incantato in tutte le performance, da solo, in coppia, in gruppo. Arte pura. Ma la forza di Danza con me è stata nella concezione dello spettacolo, nella capacitA espressiva delle soluzioni televisive, nella intelligente scelta degli ospiti.

Fra i quali va ricordato soprattutto Ahmad Joudeh, il giovane ballerino siriano perseguitato dall’Isis e contrastato dalla famiglia. Dopo aver superato le vessazioni del padre e l’odio della guerra, Ahmad ha ballato per la prima volta con il suo mito Bolle, sulle note di Inshallah, interpretata dal leggendario Sting.

Una menzione particolare per Virginia Raffaele che si è ammirata ieri non per le irresistibili imitazioni ma per una incredibile abilità mostrata in un balletto modernissimo con Bolle.

 

E poi Tiziano Ferro, Fabri Fibra, Miriam Leone, Pif, Geppi Cucciari e Lil Buck. Il tutto coordinato da Marco D’Amore, il mitico Ciro di Gomorra, che è attore intelligente, colto e affabile.

Insomma, per la Rai l’anno nuovo comincia bene. E già, perché gira e rigira queste cose le sa fare solo mamma Rai.

Articolo originale

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.