Vince Bolsonaro, l’uomo nero che piace a Salvini e Trump

Focus

Dal neo Presidente brasiliano ha preso le distanza anche Marine Le Pen

“Non vedo cosa rende Mr. Bolsonaro un candidato di estrema destra, dice cose davvero spiacevoli che non possono essere trasferite nel nostro paese. Attacca in modo orrendo lavoratori, omosessuali e donne, questo è un modello illegale di stare nelle istituzioni”. Così, soltanto pochi giorni fa, ha parlato Marine Le Pen a France 2 sulla possibile vittoria del neo Presidente del più grande Paese dell’America Latina. Se ne è accorta anche lei, non proprio una paladina delle libertà fondamentali, che ciò che incarna Jair Bolsonaro non è un esempio da seguire e che è meglio prenderne le distanze.

Matteo Salvini, no. Lui pur di inseguire il consenso farebbe di tutto anche non vedere le contraddizioni di un uomo illiberale e pericoloso. Per questo non ha aspettato un attimo ed ha subito twittato in maniera trionfale per la vittoria del suo nuovo amico, che ha risposto promettendo l’estradizione di Battista da anni in Brasile (“Il regalo è in arrivo! “ha scritto il figlio del neo presidente). Uno scambio di cortesie fra persone che si stimano. Non a caso un altro tweet di congratulazioni è arrivato subito da Donald Trump. 

Chi è Jair Bolsonaro

Ha promesso di “cambiare il destino del Brasile” e ha vinto il ballottaggio. Al termine di una compagna elettorale assai tesa e molto polarizzata, è stato eletto con quasi 58 milioni di voti – il 55,13 per cento delle preferenze – mentre il suo avversario e candidato di sinistra, Fernando Haddad, si è fermato al 44,87 per cento. “Non possiamo più continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo di sinistra”, ha affermato durante il suo primo discorso da presidente eletto questo ‘cantore’ della dittatura militare (1964-1985), che a gennaio giurerà per un mandato di quattro anni. Fuochi d’artificio sono stati sparati sulla spiaggia di Barra da Tijuca, dove decine di migliaia di sostenitori di Bolsonaro si erano dati appuntamento davanti all’abitazione del neo presidente per celebrarne la più che probabile vittoria.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli