Non lasciare soli i britannici è il dovere di ogni europeo

Focus

Milioni di britannici, al di là delle appartenenze di partito, sono contro la Brexit e vorrebbero esprimersi con un nuovo referendum

Ricordo che soprattutto Gian Carlo Pajetta invocava “un nuovo internazionalismo”, che pure appariva ancora piuttosto fumoso. Ecco: oggi, dinanzi a ciò che sta emergendo nel Regno Unito, tale discorso può acquistare concretezza. Tanti, nel Labour, e a ogni livello, dissentono dalla linea di Jeremy Corbyn.

E milioni di britannici, al di là delle appartenenze di partito, sono contro la Brexit e vorrebbero esprimersi con un nuovo referendum. Credo che sia nostro dovere, dovere degli altri europei, non lasciarli soli. Proprio l’imminenza del voto per il rinnovo dell’europarlamento può spronarci a una grande mobilitazione di popolo, volta da un lato a ridefinire la costruzione dell’Unione in termini nuovi (l’Europa o è anche spazio sociale o non è), dall’altro a sottolineare con decisione l’importanza di includere, in essa, il Regno Unito.

Si tratta di una sfida decisiva: non vi è solo l’Europa continentale. Essa, anzi, risulterebbe menomata se non si protendesse verso gli oceani, in senso concreto e figurato. La Gran Bretagna, dunque, come ponte fra il vecchio continente e il Nord-America; come anello importante di quell’identità storica e geopolitica chiamata Occidente.

E, più in generale, come tramite verso altri mondi. Tante volte cogliamo la contraddizione di una politica che, al tempo del “villaggio globale”, si svolge quasi solo su scala nazionale. Ecco: adesso abbiamo l’occasione, anche per la spinta esercitata dagli interessi in gioco, di metterci alla prova e di saggiare le nostre capacità. Non possiamo restare indifferenti dinanzi ai “fatti d’Inghilterra”: è ora di esercitare davvero quella “diplomazia dei popoli” e dei cittadini tante volte evocata.

Non basta constatare come non vi sia un unico “demos” europeo: occorre compiere un passo ulteriore e impegnarsi con la mente e con il cuore in un’opera di costruzione probabilmente inedita, eppure fondamentale per continuare a esercitare un ruolo significativo in un mondo insieme piccolo e assai articolato.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli