La bufala di Repubblica sui sondaggi bolognesi

Focus

Sul sito del quotidiano compare un titolo che dà avanti Errani su Casini nel collegio di Bologna. Ma la domanda era sulla stima e non sul voto

Alla fine anche il sito di Repubblica, il quotidiano online più frequentato d’Italia, è caduto nella rete delle fake news e del clickbaiting.

La vicenda

Questa mattina il sito repubblica.it apre a tutta pagina con il titolo:
Sondaggi, da Bologna i numeri che fanno tremare il Pd: Errani davanti a Casini”.

Un titolo effettivamente succoso, che chissà quanti click avrà fruttato (da questo meccanismo nasce appunto la definizione di “clickbaiting”).
Eppure, a leggere le tabelle del sondaggio (scritte piccolissime come le avvertenze dei medicinali), era facile scoprire che trattavasi di vera e propria bufala. La domanda in questione, infatti, non era sulle intenzioni di voto ma sulla “stima” per i candidati di collegio.

La scoperta dell’errore

A smascherare il fattaccio è stato Lorenzo Pregliasco di YouTrend, che con una serie di tw corredati da screenshot ha documentato la vicenda:

 

La rettifica

Una denuncia che deve aver sortito i suoi effetti, tanto è vero che dopo pochi minuti il titolo è stato cambiato con un più corretto:

“Bologna, i numeri che inquietano il Pd: Errani più stimato di Casini”

Pregliasco, esperto di sondaggi, avanza poi dei dubbi sulla stessa qualità del sondaggio. Fra l’altro, Pregliasco afferma che la società che avrebbe effettuato la rilevazione, Sylla, non l’ha mai sentita prima.

Un episodio che spiega meglio delle parole le ragioni per cui, tra un paio di giorni e fino al 4 marzo, scatterà il blackout sulla pubblicazione dei sondaggi.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli