Caso Cucchi, l’Arma vuole costituirsi parte civile. Nuovi particolari dal carabiniere superteste

Focus

L’imputato Francesco Tedesco in aula: “Per me questi anni sono stati un muro insormontabile”

Grosse novità sul caso Cucchi: il generale dei carabinieri Giovanni Nistri ha deciso che l’Arma si costituirà parte civile contro i militari coinvolti nell’uccisione di Stefano Cucchi. Nistri si è impegnato non solo a procedere disciplinarmente nei confronti dei responsabili del pestaggio e delle calunnie, ma anche a costituire l’Arma come parte lesa nel processo.“

Abbiamo la vostra stessa impazienza che su ogni aspetto della morte di Suo fratello si faccia piena luce e che ci siano infine le condizioni per adottare i conseguenti provvedimenti verso chi ha mancato ai propri doveri e al giuramento di fedeltà”, è con questa lettera fatta recapitare nei giorni scorsi a Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, CHE il comandante dei carabinieri, il generale Giovanni Nistri, ha annunciato quella che appare come una vera e propria svolta nell’atteggiamento dell’Arma sul caso Cucchi. Cioè la volontà di mettere da parte tutti i militari ritenuti coinvolti nella vicenda, compresi gli alti ufficiali  accusati di depistaggio e contro i quali si attende il rinvio a  giudizio. Come rivela Repubblica, infatti, a corredo della missiva  la famiglia Cucchi è stata informata della volontà della stessa Arma di costituirsi parte civile nel processo a carico dei carabinieri coinvolti nel depistaggio nel caso in cui dalle indagine emergesse un chiaro danno di immagine.

Intanto Francesco Tedesco, il vicebrigadiere dei carabinieri imputato per omicidio preterintenzionale, falso e calunnia nel processo bis sulla morte di Stefano Cucchi, nel suo esame reso davanti alla corte di assise ha raccontato nuovi particolari. Il supertestimone che ha rivelato a nove anni di distanza che Stefano, 31 anni, venne ‘pestato’ da due suoi colleghi Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo, imputati come lui di omicidio preterintenzionale, ha dichiarato: “Sono stato in silenzio in tutti questi anni perché ho avuto paura. Quando sono stato costretto a non parlare il 29 ottobre 2009 davanti al pm Barba, mi sono trovato in una morsa dalla quale non potevo più uscire, se avessi parlato all’epoca sarei stato solo contro il mondo. Poi si sono succeduti vari eventi, ho saputo che il carabiniere Casamassima aveva iniziato a parlare e ho cominciato a non sentirmi più solo. Cercavo di trovare un contatto con qualcuno in tutti i modi, ad esempio lo sguardo di Ilaria Cucchi in udienza, per dire questa cosa”.

“Dopo dieci anni di menzogne e depistaggi in quest’aula è entrata la verità raccontata dalla viva voce di chi era presente quel giorno. Le dichiarazioni e le intenzioni espresse dal comandante generale dell’Arma ci fanno sentire finalmente meno soli, si è schierato ufficialmente dalla parte della verità” ha detto Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, che ha commentato anche la lettera di Nistri.

Nistri nella missiva si era rivolto ad Ilaria: “La stragrande maggioranza dei carabinieri, come lei stessa ha più volte riconosciuto, e di ciò la ringrazio, crede nella giustizia e riteniamo doveroso che ogni singola responsabilità nella tragica fine di un giovane vita sia chiarita, e lo sia nella sede opportuna, un’aula giudiziaria” ha scritto Nistri, aggiungendo:” Comprendiamo l’urgenza e la necessità di giustizia, così come lo strazio di dover attendere ancora. Ma gli ulteriori provvedimenti, che certamente saranno presi, non potranno non tenere conto del compiuto accertamento e del rado di colpevolezza di ciascuno. Ciò vale per il processo in corso alla Corte d’Assise. E ciò varrà indefettibilmente anche per la nuova inchiesta avviata dal Pubblico Ministero nella quale saranno giudicati coloro che oggi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere”. “Io per primo, e con me i tanti colleghi, oltre centomila, che ogni giorno rischiano la vita, soffriamo nel pensare che la nostra uniforme sia indossata da chi commette atti con essa inconciliabili e nell’essere accostati a comportamenti che non ci appartengono” ha concluso il generale.

“La lettera è stata per me un momento emotivamente molto forte. Perché è arrivata dopo anni in cui io e la mia famiglia ci siamo sentiti traditi” ha ammesso Ilaria Cucchi a proposito della lettera, rivelando che c’è l’impegno personale di Nistri a chiedere alla Presidenza del Consiglio l’autorizzazione a costituire l’Arma come parte civile nel processo. “So che nulla è ancora deciso. E che in ogni caso bisognerà attendere la richiesta di rinvio a giudizio per gli otto ufficiali indagati per il depistaggio. Ma ne ho parlato con il generale Riccardi, portavoce del Comandante che mi ha assicurato come l’ipotesi sia concreta. Sarebbe bellissimo ” ha dichiarato al quotidiano la sorella si Stefano Cucchi,

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli