Come troveremo i soldi per abbassare le tasse. Parla Gutgeld

Focus

Yoram Gutgeld al ‘Corriere della Sera’ spiega la strategia da adottare per questa operazione di taglio delle tasse

“Ridurremo i prelievi fiscali di 50 miliardi”. Questo l’annuncio fatto da Matteo Renzi all’Assemblea nazionale del Partito Democratico, che ha suscitato immediatamente un dibattito tra possibilisti e critici.

Oggi dalle pagine del Corriere della Sera Yoram Gutgeld, consigliere economico del premier e commissario per la spending review, spiega come e perché questo taglio sarà possibile. Il nodo principale per questo taglio delle tasse sono le coperture, infatti nel prossimo triennio per questa operazione andranno trovati 35 miliardi di euro a cui vanno aggiunti i 70 miliardi per evitare che scattino le clausole di salvaguardia, cioè aumento dell’Iva e delle accise. Su questo punto Gutgeld ha le idee chiare, il governo agirà su tre fronti: “Tagli della spesa pubblica per 10 miliardi nel 2016, che aumenteranno negli anni successivi. Crescita economica, che potrebbe essere superiore anche grazie al taglio delle tasse. Margine tra deficit e Pil previsto e che potrà essere superiore per favorire la ripresa, senza oltrepassare il 3%“. Da questo margine si possono recuperare 50 miliardi tra il 2016 e il 2017.

L’obiezione però è se l’Europa permetterà all’Italia di alzare il margine tra deficit e Pil (1,8% nel 2016 e 0,8% nel 2017). Anche su questo Gutgeld ha le idee chiare: “Uno dei criteri di valutazione ottenuti con il semestre italiano è la flessibilità in relazione alle riforme. L’Italia sta facendo le riforme, dopo 7 anni inizierà a ridurre il debito, rispetterà il vincolo del 3%“.

Uno dei punti criticati è l’abolizione della Tasi sulla prima casa, e Gutgeld spiega perché il governo ha deciso di abolirla: “Sappiamo che l’inasprimento del prelievo sulla casa nel 2011-12, anche se allora fu necessario, è stato tra i responsabili della recessione. Tanto è vero che circa metà della perdita di occupazione è avvenuta nel settore delle costruzioni. L’aumento delle tasse sulla casa ha prodotto confusione, ansia, paura tra le famiglie. E noi vogliamo rimuovere questi fattori anche psicologici che ostacolano la crescita”.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli