Smontiamo le bugie/ Cosa vuol dire “rimpatriare tutti i clandestini”?

Focus

I costi, il tempo e dove rimpatriare i clandestini. Tutte le cose che la destra non dice

“L’immigrazione è una questione urgentissima. Oggi in Italia si contano almeno 630 mila migranti di cui solo il 5%, e cioè 30 mila, ha diritto di restare in quanto rifugiati e cioè fuggiti da guerra e morte. Gli altri 600 mila sono una bomba sociale pronta a esplodere, perché vivono di espedienti e di reati”. Sì, esattamente con queste parole: “bomba sociale”, l’ex premier Silvio Berlusconi, ha definito il fenomeno dell’immigrazione dei migranti comunemente etichettati come “clandestini“. “Rimpatriamo tutti” è il motto dell’aspirante primo ministro leader di Forza Italia che torna a gamba tesa nello scenario politico per puntare dritto alla pancia degli elettori cavalcando il malcontento generale. Ma quello che Silvio Berlusconi dimentica di dire è: quanto costa questa operazione allo Stato? E soprattutto, chi rimpatriare e dove? Ecco alcuni dati per fare un po’ di chiarezza.

I costi: il primo aspetto di cui la politica di destra non parla

Partiamo da un numero: 600mila migranti “clandestini” da rimpatriare subito, stando all’allarme lanciato dal candidato forzista. Ora, se questo dato fosse vero e se si ipotizzasse di rimpatriare 200 migranti al giorno, ci vorrebbero almeno otto anni e quattro mesi. Non solo: anche il capitolo costi avrebbe il suo peso. Per portare un immigrato irregolare fuori dall’Italia ci vogliono infatti almeno 4mila euro: oltre al costo del biglietto vanno infatti considerate le spese per il personale (agenti di scorta, poliziotti, medici), oltre al carburante e al noleggio del mezzo. Insomma, ammesso che si riuscisse a riempire un aereo, ogni singolo viaggio costerebbe allo Stato 800mila euro.

Le destinazioni: chi rimpatriamo e dove? Cose che la Destra non sa

Prima di proseguire nel tema dei rimpatri è opportuno chiarire quali migranti si tende genera, mente a definire “clandestini” nel linguaggio comune anche se il termine esatto è “irregolari”, secondo quanto suggerito da una recente risoluzione del Consiglio d’Europa. In questo elenco sono da ascrivere anche i richiedenti asilo che non hanno ottenuto la protezione internazionale e i migranti con permesso di soggiorno scaduto. “Rimpatriare i migranti” irregolari significa ricondurli nei loro paesi di origine, ma l’Italia ha accordi in essere solo con quattro dei tanti paesi di provenienza estera: Tunisia, Marocco, Egitto e Nigeria. Restano fuori quindi paesi come Guinea, Bangladesh, Costa d’Avorio, Gambia, Senegal, Sudan con cui l’Italia non ha stretto nessun tipo di collaborazione in questo senso. Pertanto, i migranti provenienti da questi paesi non godono di protezione umanitaria ma non possono essere rimpatriati. Vengono identificati e detenuti nei CIE (centri di identificazione ed espulsione) e “liquidati” con un foglio di via: sette giorni di tempo per lasciare il Paese. Sono in tanti a far perdere le proprie tracce e a restare in Italia.

A cura della redazione di In Cammino

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli