Le prime idee di Zingaretti su comunicazione e web

Focus

Il segretario dem: “Voglio un nuovo Pd più forte sul web. Lotteremo per un’informazione corretta e per coinvolgere gli attivisti”

Nicola Zingaretti ha in mente una rivoluzione digitale nel Pd. Un partito che dovrà essere sempre più presente sui social e sul web. L’intenzione è quella di superare il modello partecipativo del M5s con una nuova piattaforma web alternativa a Rousseau. Una piattaforma che potrebbe essere sul modello di quella messa a disposizione durante le primarie da Francesco Boccia.

Ma il segretario ha in mente la creazione di una task force di “sentinelle dei social”, impegnate a smascherare troll, fake news o notizie virali montate ad arte. A questa si aggiunge l’intenzione di creare una “Piazzaweb social”, un vero e proprio “ecosistema digitale” dove le persone possono dialogare, scambiarsi informazioni, aprire comitati, organizzare iniziative. Una riproposizione sul web di quello che avviene giornalmente nei circoli, ma su scala nazionale oltre che locale. Il modello di partecipazione è quello dei Democratici americani.

Una rivoluzione digitale per il Pd che si muove su tre linea distinte, ma allo stesso tempo sovrapposte. Un modo per recuperare il gap sulla rete nei confronti del M5s, e della Lega. Conferma di questo progetto arriva dallo stesso Zingaretti che su Facebook scrive: “Voglio un nuovo Pd più forte sul web. Lotteremo per un’informazione corretta e per coinvolgere gli attivisti. Ce le dicono le Primarie, le persone hanno voglia di partecipare e noi costruiremo un partito digitale per rendere più forte la nostra democrazia”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli