Un premier che dà la caccia all’untore

Focus

Conte e il mood penta-leghista del giustizialismo a oltranza

Il premier Conte ha definitivamente interiorizzato il mood penta-leghista: giustizialismo a oltranza.

Dismessi i panni del giurista e indossati quelli di prestanome dei due dioscuri della cosa giallo-verde, ha dichiarato che “non possiamo aspettare i tempi della giustizia penale”. Bisogna additare un colpevole purchessia – Renzi, l’Ue, Benetton – al cospetto della folla manzoniana e urlare “crucifige!”.

Il consenso dei nazionalpopulisti si basa essenzialmente sulla fomentazione e canalizzazione della rabbia verso l’untore di turno. Ieri le streghe, gli ebrei o – lo si dimentica spesso – l’alta borghesia (…non per caso si allude alle fasi antiliberali della storia dell’Occidente), oggi le multinazionali, il liberismo, le istituzioni sovranazionali, Soros.

Perciò le ragioni della propaganda sono sovraordinate a quelle dello stato di diritto e perfino a quelle della coscienza: per perpetuare la luna di miele con l’elettorato italiano la maggioranza penta-leghista ha bisogno di tenere alta la temperatura socio-politica, possibilmente con due minuti d’odio quotidiano da indirizzare al nemico. Più di mille saggi, i citati Manzoni e Orwell forniscono gli strumenti adeguati a decodificare la narrazione della maggioranza giallo-verde.

 

Post pubblicato su Facebook

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli