Conte prova a chiudere il caso Sapienza. Il Pd presenta un’interrogazione

Focus

“Gli impegni istituzionali mi impongono di riconsiderare questa domanda” di “trasferimento” alla Sapienza, ha dichiarato il premier. Morani: “Non pensi di cavarsela così”

“Gli impegni istituzionali mi impongono di riconsiderare questa domanda” di “trasferimento” alla Sapienza. Il premier Giuseppe Conte prova a chiudere così il caso scoppiato dopo la notizia diffusa da Politico.eu. Il sito di notizie aveva dato notizia del fatto che il presidente del Consiglio aveva fatto domanda per una cattedra di diritto privato all’Università la Sapienza di Roma. Una domanda presentata a febbraio, quindi prima delle ultime elezioni politiche, quando era ancora docente all’Università di Firenze. Ma secondo quanto riferito da Politico.eu il premier era intenzionato a presentarsi lunedì per sostenere l’esame.

Sono tanti, secondo il sito in lingua inglese, gli studiosi che hanno espresso perplessità sulla vicenda dato che si tratterebbe di un vero e proprio conflitto di interessi dato il ruolo rivestito da Conte.

Una notizia imbarazzante per Lega e Cinque Stelle soprattutto perché venuta fuori pochi giorni dopo la decisione del sottosegretario all’Istruzione Lorenzo Fioramonti di intensificare i controlli contro la corruzione nei concorsi universitari.

Critico il Pd che ha presentato sulla vicenda un’interrogazione: “Conte beccato con le mani nella marmellata ora dichiara che non parteciperà all’ultima fase del concorso all’università. Non pensi di cavarsela così. Ho appena presentato un’interrogazione parlamentare e andremo fino in fondo #ConteBarone” fa sapere Alessia Morani.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli