Di Maio rilancia Conte con Savona nell’esecutivo. Ma Salvini temporeggia

Focus
salvini, di maio

Ennesima giornata di trattative. Salvini ha annullato gli incontri in Lombardia per volare a Roma. Cottarelli in attesa

La crisi istituzionale che si protrae da quasi 90 giorni potrebbe essere arrivata ad una svolta. L’ennesima, in realtà. La novità è arrivata ieri sera, dopo una lunga giornata di incertezze, dove il Colle ha ricevuto il premier incaricato Carlo Cottarelli e il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, per dei colloqui informali. Al termine dei quali, si era appreso da fonti del Quirinale che Cottarelli aveva pronta la lista dei ministri, ma anche che non si voleva forzare i tempi per tentare un’ultima volta la via di un governo politico.

In serata, poi, Luigi Di Maio ha avanzato la possibilità di richiamare Conte alla guida di un governo dove il controverso economista eurocritico, Paolo Savona, potesse avere un ruolo, ma non al ministero dell’Economia. La proposta ha ricevuto “l’attenzione” del Colle, mentre Salvini sta temporeggiando in attesa di parlarne direttamente con l’economista al centro della disputa.

Il voto a luglio e la soluzione del rebus di governo

Di fatto, ora, la soluzione del rebus di governo sarebbe tutto nelle mani del leader del Carroccio, ma c’è chi sostiene che Salvini non abbia affatto cambiato idea sul volere tornare al voto a settembre/ottobre. Tant’è che, se riuscisse a diluire la crisi oltre questa settimana, non ci sarebbero più i tempi tecnici – i famosi 60 giorni dallo scioglimento delle Camere – per andare a votare a fine luglio. In tal caso prenderebbe corpo il ragionamento fatto da Giorgetti martedì alla riunione del gruppo della Lega, per cui il Carroccio ha intenzione di far partire le Commissioni e approvare il Def.

Significativa, tuttavia, la notizia fatta circolare stamattina dallo staff dellla Lega. L’agenda di Salvini di “oggi è annullata”, fanno sapere da via Bellerio.  In altre occasioni, anche in piena crisi istituzionale, Salvini non aveva rinunciato a fare campagna elettorale per le amministrative del prossimo 10 giugno. Oggi, invece, il leader del Carroccio ha deciso di saltare i nove comizi e incontri pubblici previsti in provincia di Milano, Monza, Lecco e Sondrio, per volare a Roma. Segno, forse, che qualcosa si sta muovendo.

Il governo Cottarelli in stand by

Da quanto confermato ieri da fonti del Quirinale, Carlo Cottarelli avrebbe la lista dei ministri pronta. Il problema resta su come fare partire l’esecutivo. L’ipotesi principale è quella di un accordo politico di maggioranza a non esprimersi, con la disponibilità di alcuni volontari a votare a favore. Ma questa eventualità si scontra con la posizione assunta dai pentastellati, decisi a confermare il loro no. Scelta che trascinerebbe anche Lega e Fdi. Ovviamente, tutto è ancora molto liquido e lo scenario potrebbe cambiare rapidamente, nel caso in cui Salvini dovesse rimandare al mittente la nuova ipotesi lanciata ieri sera da Di Maio.

Vedi anche

Altri articoli