X

Amianto all’Olivetti di Ivrea, assolti De Benedetti e Passera

La sentenza di condanna per le morti provocate dall’esposizione all’amianto negli stabilimenti Olivetti tra gli anni Settanta e i primi anni Duemila è stata completamente ribaltata. La corte d’appello di Torino ha infatti “assolto perché il fatto non sussiste” i dirigenti che erano a processo per lesioni colpose e omicidio colposo. Tra questi Carlo De Benedetti, il fratello Franco De Benedetti e Corrado Passera.

Secondo la sentenza tutti gli imputati non sono responsabili del decesso tra il 2008 e il 2013 di venti ex lavoratori che avevano lavorato in reparti contaminati da fibre di amianto e che si sono ammalati di mesotelioma pleurico, patologia correlata all’esposizione all’amianto.

Il cuore della controversia processuale riguarda il talco utilizzato nel montaggio di parti meccaniche ed elettroniche. Il talco in questione conteneva tremolite di amianto e secondo la procura generale è stato usato in Olivetti fino al 1986, mentre gli avvocati difensori hanno sempre sostenuto che quel tipo di materiale nocivo fosse stato impiegato solamente fino al 1981.

Non sono ancora note le motivazioni della sentenza ma Repubblica, citando uno degli avvocati, spiega che a portare alle conclusioni della presidente sarebbe stato il cosiddetto “effetto acceleratore“. “In pratica – spiega uno degli avvocati – il dirigente è considerato responsabile solo per i primi due anni di esposizione del lavoratore all’amianto. In questo caso De Benedetti è stato in carica a partire dal 1978 e i dipendenti erano stati colpiti dalla patologia in un periodo precedente. Se fosse accertata l’esistenza di un “effetto acceleratore” sarebbe diverso. Ma nella comunità scientifica non c’è un consenso unanime. E quindi la giurisprudenza non può tenerne conto”.

La precedente sentenza del 2016, il Tribunale di Ivrea aveva pronunciato 13 condanne. Tra le più pesanti c’erano quelle a Franco e Carlo De Benedetti, 5 anni e 2 mesi, e a Corrado Passera, 1 anno e 11 mesi.

Articolo originale

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.