Draghi striglia i leader Ue: “È il momento di assumersi le responsabilità”

Focus

Il governatore dell’Eurotower al termine della riunione del Consiglio Europeo a Bruxelles: “Serve chiarezza sul futuro delle nostra unione monetaria europea”

“Per rafforzare l’economia dell’Eurozona serve chiarezza sul futuro dell’unione monetaria”. A sottolinearlo è il presidente della Bce, Mario Draghi, lasciando la riunione del Consiglio Europeo a Bruxelles, che nella prima parte è dedicata a temi economici, in un doorstep con la stampa, evento piuttosto raro. “Ho chiarito – ha detto il banchiere centrale – che la politica monetaria non può affrontare alcune debolezze strutturali di base dell’economia dell’Eurozona. Per questo servono riforme strutturali, che puntino principalmente ad elevare il livello della domanda, investimenti pubblici e tasse più basse”. “E, ancora più importante – conclude Draghi – serve chiarezza sul futuro delle nostra unione monetaria europea. E poi ho chiarito che, anche se queste riforme, questi progressi sono meno rapidi di quello che speravamo, questa non è un buon motivo per non agire. E naturalmente, se l’outlook dovesse cambiare, siamo pronti ad usare tutti gli strumenti appropriati“.

 

Vedi anche

Altri articoli