E’ Pöstlberger la prima maglia rosa del Giro d’Italia

Focus

L’austriaco della Bora con una grande azione negli ultimi chilometri ha vinto la tappa e ha conquistato il simbolo del primato

La “festa rosa” è iniziata. La prima tappa non è andata secondo previsioni, con un arrivo in volata come tutti si aspettavano. I velocisti si sono fatti sorprendere dall’austriaco Lukas Pöstlberger, che con un’azione da vero finisseur è riuscito a conquistare la prima tappa e di conseguenza la prima maglia rosa di questo Giro 100. Nonostante i 206 Km che hanno portato il gruppo da Alghero ad Olbia fossero caratterizzati da continui sali e scendi, con un percorso “mangia e bevi” con pochissima pianura, i velocisti erano riusciti a rimanere in gruppo, ma negli ultimi due chilometri si sono guardati tra di loro dando via libera all’austriaco della Bora-Hansgrohe. Una maglia rosa storica, perché Pöstlberger è il primo austriaco a vestire il simbolo del primato al Giro.

La volata per il secondo posto è stata vinta da Caleb Ewan, davanti all’esperto André Greipel. 

I protagonisti assoluti della tappa sono stati i fuggitivi di giornata – Benedetti, Bialoblocki, Brutt, Teklehaimanot e Zhupa (Maestri inizialmente presente nella fuga si è staccato dopo qualche chilometro) – che per 200 Km (ripresi a 3 chilometri dal traguardo )hanno comandato la gara giocandosi i traguardi volanti e i tre Gpm, con Benedetti che sarà la prima maglia blu (miglior scalatore) di questo Giro d’Italia.

In una tappa che non ha regalato grandissimo spettacolo, se non nelle fasi finali, la regia si è spesso concentrata sulle meraviglie paesaggistiche attraversate dal gruppo, un vero e proprio spot per la bellissima Sardegna. Come sempre il passaggio della corsa è stato salutato con gioia in ogni paese che il gruppo ha attraversato, molti gli striscioni in ricordo di Michele Scarponi sulle strade sarde, e crediamo che sarà così in tutte le 21 tappe che porteranno i corridori a Milano.

La media di corsa (39,415 Km/h) non è stata elevatissima, anche a causa del percorso mosso e del vento spesso contrario alla marcia dei corridori.

Domani si scende verso il Sud della Sardegna, da Olbia il gruppo dopo 221 Km raggiungerà Tortolì. Ancora una volta non sarà una tappa semplice, dove è previsto il passaggio sulla Genna Silana a soli 47 chilometri dal traguardo. Una tappa che potrebbe non essere decisa in volata, e dove i coraggiosi di giornata potrebbero giungere al traguardo.

(Foto Twitter @giroditalia)

Vedi anche

Altri articoli