Ecco i collegi del Rosatellum

Focus
Camera

Il Consiglio dei Ministri approva il decreto sui collegi che ora passerà alle commissioni Affari Costituzionali di Camera e Senato che avranno 15 giorni per formulare il parere. L’ultima parola spetterà comunque al governo

Il governo ha approvato il decreto con cui sono stati definiti i collegi (uninominali e proporzionali) di Camera e Senato. Un decreto molto atteso, che comunque vada creerà polemiche e lamentele. Seppur la questione sia meramente tecnica, dalla suddivisione dei collegi può cambiare l’esito del risultato di alcuni di essi, principalmente quelli in bilico.

Tabella collegi Camera

I collegi uninominali della Camera sono stati disegnati in base alla mappa dei collegi uninominali del Senato previsti dal Mattarellum. Naturalmente si è dovuto fare i conti con la nuova situazione demografica certificata dall’ultimo censimento del 2011.

I collegi uninominali modificati, rispetto alla suddivisione del 1993, sono circa 60.

La regione con il maggior numero di deputati è la Lombardia (la regione più popolosa d’Italia) che porterà alla Camera 102 deputati, 37 eletti con il sistema uninominale e 65 con il plurinominale. La Lombardia rispetto al 2013 guadagna 1 deputato a scapito del Veneto che passa da 51 a 50.

Per quanto riguarda i seggi uninominali chi ne perde di più, rispetto al 1993, è la Basilicata che da 5 passa a due, e l’Umbria che da 5 passa a 3.

Tra le città Roma è quella che elegge più deputati: 11, Milano si ferma a 6, mentre Napoli e Torino ne eleggeranno 4.

I collegi plurinominali sono stati poi formati dall’aggregazione di collegi uninominali contigui. Ai 618 seggi che verranno assegnati in Italia (232 con il sistema uninominale e 386 con il plurinominale) vanno aggiunti i 12 seggi assegnati dagli italiani all’estero.

 

Tabella collegi SenatoPer la suddivisione del Senato si è provveduto ad accorpare i collegi della Camera. Al Senato i collegi uninominali sono 116, mentre i proporzionali 193. Sei saranno i senatori eletti dagli italiani all’estero.

Come per la Camera la regione che elegge il numero maggiore di senatori è la Lombardia.

La Basilicata, come già accadeva nelle precedenti leggi elettorali, avrà più senatori che deputati. Questo perché, secondo il comma 3 dell’articolo  57 della Costituzione, tutte le regioni, tranne Molise e Valle D’Aosta abbiano un numero di senatori non inferiore a 7.

Ora il testo del decreto passa  alle commissione Affari costituzionali della Camera e del Senato che avranno 15 giorni di tempo per formulare i loro pareri. L’ultima parola spetterà al governo che potrà accogliere o lasciar cadere le istanze parlamentari. A metà dicembre il ridisegno dei collegi sarà ultimato.

Il tutto ampiamente in tempo per il voto a marzo, mese che molto probabilmente vedrà le forze politiche confrontarsi nella tornata elettorale.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli