Perché la stangata sulle utilitarie danneggia i più deboli

Focus

Pioggia di critiche sull’ecotassa. E il governo si divide: Salvini contrario, mentre per la sottosegretaria Castelli si deve “andare avanti”

La nuova tassa sulle auto tradizionali, spuntata a sorpresa sulla manovra, scatena una valanga di critiche. La novità è arrivata con un emendamento approvato dalla commissione bilancio della Camera che vede una nuova imposta crescente – dai 150 ai 3.000 euro -, già dal primo gennaio 2019 se si immatricolerà un’auto nuova con emissioni superiori a un certo limite. Sarà invece dato un incentivo per i veicoli con bassissime emissioni di CO2.

Ma la norma nasconde dei tratti antidemocratici visto che penalizzerebbe chi non ha la possibilità di acquistare un’auto nuova. Soprattutto perché le nostre case automobilistiche non sono ancora attrezzate a vendere auto elettriche con prezzi che siano accessibili. Se prendiamo ad esempio il modello più venduto in Italia – spiega l’Anfia – la Panda 1.2 prodotta a Pomigliano, tra le vetture non ibride con le più basse emissioni di CO2, con il nuovo sistema si pagherà un’imposta che varia dai 400 ai 1.000 euro.

Anche per questo il provvedimento apre il fronte del governo, con Salvini che da una parte si dice di esser completamente contrario, con Di Maio che in qualche modo apre alle modifiche al Senato; e con la sottosegretaria Laura Castelli che invece tiene il punto: “E’ nel contratto, il governo vuole mantenerla”.

Per questo il vantaggio sarà solo per chi comprerà costose auto elettriche.
Netta la bocciatura delle opposizioni e dei metalmeccanici, oltre che dei concessionari auto. La preoccupazione principale, infatti, è che il meccanismo di bonus-malus così architettato potrà avere conseguenze negative sull’occupazione dell’intero settore.

Anche la Cgia di Mestre ha espresso un secco no all’ipotesi: “A pagare un conto salato, con questa ennesima stangata, sarebbe anche una buona parte dei 150 mila addetti che trovano lavoro nel settore dell’autoriparazione.

Vedi anche

Altri articoli