M5s fuori dai ballottaggi e crolla a Roma. Lega avanti, il Pd tiene

Focus

Vittoria al primo turno del sindaco uscente del centrosinistra Emilio Del Bono a Brescia. I dem al ballotaggio quasi ovunque, mentre i pentastellati perdono anche i municipi della Capitale

Il dato più eclatante di queste amministrative, che vedono un’affluenza in calo ovunque (la percentuale è al 61, sei punti in meno rispetto alle precedenti elezioni), è la sconfitta del Movimento 5 stelle, da nord a sud. La Lega traina il resto del centrodestra e riesce a conquistare diverse città, ma il Pd tiene, si conferma a Brescia e arriva ai ballottaggi in dieci Comuni. Lo scontro tra centrodestra e centrosinistra si profila a Sondrio, Massa, Pisa, Siena, Ancona, Teramo, Brindisi. I grillini, invece, andranno al ballottaggio in soli tre Comuni.

Pd, vittoria a Brescia al primo turno

Brescia è stato riconfermato al primo turno il sindaco uscente Emilio Del Bono (centrosinistra) al 53,9%. La candidata del centrodestra è ferma al 38%, mentre il candidato M5s ottiene poco più del 5%. Nel Veneto il Carroccio si riprende una sua roccaforte, Treviso, che ora era a guida democratica. Lì ha vinto al primo turno il leghista Mario Conte che con il 54% ha battuto il sindaco uscente Giovanni Manildo fermo a poco meno del 38%. A Vicenza dove dopo 10 anni di amministrazione di centrosinistra targata Achille Variati, alle elezioni si impone al primo turno il centrodestra con Francesco Rucco che ha avuto la meglio sul candidato del centrosinistra Otello Dalla Rosa.

Flop M5s in tutta Italia

Risultati piuttosto deludenti per il Movimento 5 stelle che a tre mesi dalle politiche non riesce ad aggiudicarsi nessun Comune al primo turno: al momento confermati i ballottaggi a Ragusa (dove il sindaco uscente era M5s) e a Terni con il centrodestra. Nella città umbra Leonardo Latini, candidato del centrodestra, è in netto vantaggio e se la vedrà al ballottaggio con il pentastellato Thomas De Luca. Ad Avellino è ballottaggio centrosinistra-M5s: l’avvocato penalista Nello Pizza, sostenuto dal Pd e da altre sei liste, si è attestato intorno al 42,9%, mentre Vincenzo Ciampi, funzionario dell’Agenzia delle Entrate, candidato dal Movimento, ha superato di poco il 20,2%.

Il centrosinistra è avanti ad Ancona, unico capoluogo di regione dove si è votato per eleggere il sindaco e il Consiglio comunale: la sindaca dem uscente Valeria Mancinelli è al 48% e al ballottaggio sfiderà il centrodestra con il candidato del centrodestra Stefano Tombolini al 28,4%.

I Cinquestelle falliscono persino nella città di Casaleggio, Ivrea. Lì, al ballottaggio del 24 giugno, si sfideranno il centrosinistra di Maurizio Perinetti che ha ottenuto il 35,8% e il centrodestra di Stefano Sertoli con il 30,7%. Il candidato pentastellato Massimo Fresc ha raggiunto appena il 13,5%, superato anche dalle liste civiche di sinistra di Francesco Comotto, terzo con il 18% delle preferenze.

Sicilia, spariti i pentastellati

In Sicilia, dove erano ben cinque le città importanti al voto, il Movimento, nonostante l’exploit delle politiche, va male e al momento non si aggiudica alcuna città ma solo il ballottaggio a Ragusa, dove il sindaco uscente è proprio del M5s.

Catania regge il “patto dell’arancino” siglato nel novembre scorso nel capoluogo etneo tra tutto il centrodestra che ha portato alle scorse regionali all’elezioni di Nello Musumeci a presidente della Regione. L’alleanza compatta dello schieramento sceso in campo per sostenere Salvo Pogliese è risultata nuovamente vincente; il sindaco uscente Enzo Bianco ha fatto gli “auguri di buon lavoro” al neoeletto.

Messina va al secondo turno: lì sarà un confronto tra il centrodestra (Placido Bramanti) e il centrosinistra (Antonio Saitta). A Trapani vince il candidato della lista civica del centrosinistra sostenuta dal Pd Giacomo Tranchida eletto con un plebiscito di voti, oltre il 70%.

A Roma il Movimento perde pezzi. Pd primo partito

A Roma – ma anche in altri Comuni del Lazio – il Movimento 5 stelle resta a bocca asciutta e dai risultati dei municipi sembrerebbe che l’effetto Raggi abbia provocato un tracollo dei pentastellati nella Capitale. In entrambi i Municipi – terzo e ottavo – guidati dai Cinquestelle e tornati al voto si afferma il centrosinistra: a Garbatella vince al primo turno, mentre al Nomentano sarà ballottaggio tra centrosinistra e centrodestra.

In entrambi i Municipi il Movimento si attesta addirittura terzo. Nell’ottava circoscrizione Amedeo Ciaccheri ha vinto con il 54% dei voti seguito dal candidato di centrodestra Simone Foglio (25,3%) mentre il pentastellato Enrico Lupardini ha ottenuto solo 13,1%. Nel terzo, che andrà al secondo turno, in testa Giovanni Caudo con il 42%, seguito da Francesco Maria Bova, di area Lega in corsa per il centrodestra (33,8%), che si sfideranno al secondo turno, e a distanza da Roberta Capoccioni del M5S con 19,1%.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati delle elezioni municipali dove il Partito democratico risulta primo partito di Roma con il 25% e offre un contributo determinante alla vittoria al primo turno di Amedeo Ciaccheri in VIII Muncipio e alla conquista del ballottaggio in III Municipio con Giovanni Caudo” si legge in una nota del Pd Roma. “In entrambi i municipi il voto dei romani ha certificato il fallimento del M5S che, dopo la caduta delle giunte pentastellate, con appena il 13,11% ottiene una disfatta clamorosa in VIII Municipio e resta fuori dal ballottaggio in III dove si ferma al 19,3% – continua la nota – Si tratta di un risultato straordinario frutto del lavoro di tanti candidati, iscritti, simpatizzanti e volontari che hanno dato vita insieme a una proposta politica innovativa per la città, in una campagna elettorale molto difficile. Questa è la dimostrazione che la comunità democratica di Roma è viva e forte e in grado di proporsi come alternativa alla disastrosa amministrazione del M5S nella Capitale insieme alle altre forze della coalizione”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli