Molise, il centrodestra si aggiudica la regione. Male il centrosinistra

Focus

Veneziale nella notte ammette la sconfitta: “Ho perso ma resta il percorso politico di un centrosinistra che ha ritrovato l’unità”

Il centrodestra vince le elezioni regionali in Molise. Donato Toma è il nuovo governatore della regione con il 43,5%. Non ce l’ha fatta il grillino Andrea Greco che si è fermato al 38,5%. Male il candidato del centrosinistra Carlo Veneziale che ha preso il 17,1% delle preferenze. Solo lo 0,4% per il candidato di CasaPound, Agostino Di Giacomo.

Il neo presidente confessa che “all’inizio della campagna elettorale il centrodestra rispetto al Movimento 5 stelle era in svantaggio di 15 punti percentuali” e aggiunge: “Abbiamo registrato che c’era una protesta in atto e che era una protesta giusta. Il segreto è stato di aver portato, messo sul piatto, le soluzioni giuste, e devo dire che la gente ha capito”. In merito alle priorità del nuovo governo, Toma sottolinea: “Vogliamo anche tenere alta l’attenzione nazionale sul Molise. Punto fondamentale dell’azione del governo sarà l’utilizzo delle risorse europee. Dovranno arrivare e, soprattutto essere spese bene per sviluppare la regione e creare lavoro”.

Già in nottata Veneziale, invece, aveva ammesso la sconfitta: “E’ stata chiara, netta e inequivocabile”. Per Veneziale, ex assessore della uscente giunta di centrosinistra guidata da Paolo di Laura Frattura, la sconfitta non è legata all’alta astensione: “Non credo che l’astensione abbia avuto peso, hanno inciso vari fattori tra cui la polarizzazione del voto rispetto alla sua utilità e la regola generale che la riconferma è più difficile”. Il centrosinistra ora “deve ripartire dall’unità che ha ritrovato in occasione della mia candidatura – ha proseguito – L’elemento nuovo e utile di queste elezioni”. Da parte dei consiglieri che saranno eletti in consiglio, secondo Veneziale, ci sarà “un’opposizione di proposta”.

Per quanto riguarda i partiti il Movimento 5 stelle è il partito più votato con il 31,57% delle preferenze, ma non è un buon risultato per i grillini che alle elezioni del 4 marzo proprio in Molise avevano ottenuto il 44,8% dei voti. Il candidato pentastellato non nasconde la delusione: “Non c’è una speranza per questa terra, perché al governo ci torneranno coloro che questa Regione hanno contribuito a distruggerla”. Nonostante questo ha poi definito “un risultato che fa battere forte il cuore “quello ottenuto in basso Molise. A loro dedico la nostra campagna elettorale”. Greco, inoltre, si è autodefinito “testa di ariete di un gruppo che andrà a difendere i cittadini molisani dai banchi dell’opposizione”.

Nella coalizione di centrodestra Forza Italia è al 9,3%, la Lega all’8,2% e Fratelli d’Italia 4,4%. Nel centrosinistra, il Pd ha ottenuto l’9% delle preferenze e Liberi e uguali il 3,2%.

L’affluenza definitiva è stata del 52,1%. Nelle precedenti elezioni regionali del 2013 fu del 61,6% (quella volta si votava sia domenica che lunedì).

 

Vedi anche

Altri articoli