Expo, Sala condannato: “Resto sindaco, ma processano il mio lavoro”

Focus

Attenuante per aver commesso il reato “per particolari motivi di valore sociale”

Il sindaco di Milano Beppe Sala, ex commissario unico e amministratore delegato di Expo, è stato condannato a sei mesi di reclusione, convertiti in pena pecuniaria di 45mila euro, nel processo milanese in cui era imputato per falso materiale e ideologico. Accuse legate alla retrodatazione di due verbali con cui, nel maggio del 2012, sono stati sostituiti due componenti della commissione di gara per l’assegnazione del maxi appalto per la Piastra dei servizi dell’Esposizione Universale del 2015.

E’ un Sala molto amareggiato quello che commenta a caldo la condanna a sei mesi di reclusione, convertiti in pena pecuniaria di 45 mila euro, dopo la condanna a sei mesi nel processo Expo. La prima cosa che ci tiene a dire ai milanesi, però, è che “questa sentenza non produrrà effetti sulla mia capacità di essere sindaco di Milano”. “Assicuro i milanesi – aggiunge subito – che resterò a fare il sindaco per i due anni che restano del mio mandato e lo farò con l’ambizione che conosco”.

Ancora: “Una sentenza del genere dopo 7 anni abbondanti, per un vizio di forma che non ha prodotto nessuno effetto, credo che allontanerà tanta gente onesta, capace dall’occuparsi di cosa pubblica”.

Se da primo cittadino Sala ci tiene a tranquillizzare i milanesi, da uomo ammette che per quanto riguarda il dopo, ora come ora non ce la fa a pensare ad un secondo mandato: “Di guardare avanti in questo momento – ammette – non me la sento”.

Del super manager che ha portato Expo al successo, del sindaco che ha appena vinto la sfida dei Giochi 2026, oggi c’è poco all’uscita dell’aula del tribunale: “Una sentenza del genere dopo sette anni abbondanti, alla fine per un vizio di forma che non ha prodotto nessun effetto, credo che alla fine allontanerà tanta gente onesta e capace, tanta gente per bene, ad occuparsi di cosa pubblica. Questi sono i sentimenti che ho dentro, che ovviamente sono sentimenti negativi, ma che credo siano anche giustificati”, ha detto Sala. “La mia conclusione – ha aggiunto – è che oggi qui si sia processato il lavoro e io di lavoro ne ho fatto per la comunità veramente tanto”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli