Diciotti, Martina a Catania. Il governo sotto accusa

Focus

Il senatore dem Faraone: non mi hanno fatto salire. Anche Fico chiede lo sbarco dei migranti

Maurizio Martina è a Catania per portare di persona la posizione del Pd sull’inquitante caso della nave italiana “Diciotti” con a bordo 177 immigrati impossibiliti a sbarcare per il diktat di Salvini.

 

Stasera al molo è prevista una iniziativa di solidarietà – Catania accoglie – mentre cresce la critica alla decisione del Viminale, apertamente contestata dalla Procura di Catania.

Faraone non può salire sulla nave

“Ci è stata negata una ispezione sulla Diciotti perché finora non è stata avviata alcuna indagine epidemiologica sulla nave militare che da giorni è bloccata nel porto di Catania. Ci sono 177 migranti e tanti militari italiani dell’equipaggio sequestrati da Salvini e Toninelli che sono a rischio epidemia”. Lo afferma il senatore del Pd, Davide Faraone.

“Ci siamo rivolti alla Capitaneria di Porto e al Prefetto di Catania per salire sulla Diciotti e verificare le condizioni dell’equipaggio italiano e delle 177 persone che da giorni sono costrette a permanere a bordo senza poter sbarcare. Vogliamo interloquire con il comandante e i medici a bordo della nave”.

“La risposta che ho ricevuto – sottolinea Faraone – è che non si può salire sulla nave e nessuno può scendere fino a quando non verranno verificate dalle autorità competenti le condizioni sanitarie dei migranti. Ma nessuno ha dato alcuna autorizzazione in questo senso, per cui tutte le persone a bordo sono a rischio sanitario”

“Quanta gente deve soffrire ancora per questo spot di Salvini avallato da Toninelli? La gestione dei migranti è certamente una questione da affrontare in Europa, ma i tempi dell’Europa non possono impedire di affrontare una emergenza umanitaria che coinvolge anche cittadini italiani”.

Poco dopo rispondendo a colleghi giornalisti su Twitter il senatore Faraone ha aggiunto: “So che il procuratore Patronaggio della procura di Agrigento sta proprio adesso andando ad interrogare il comandante della nave. Fiducia nella magistratura”.

L’appello di Fico e la risposta del Pd

Un rischio a cui ai ministri competenti non sembra interessare. Intanto arriva anche l’appello anche del Presidente della Camera Roberto Fico: “La giusta contrattazione con i Paesi dell’Unione europea può continuare senza alcun problema, adesso però le 177 persone – tra cui alcuni minori non accompagnati – devono poter sbarcare. Non possono essere più trattenute a bordo, poi si procederà alla loro ricollocazione nella Ue”.

Ma il governo al momento sembra sordo agli appelli di magistrati, associazioni umanitarie, UNHCR, opposizioni e persino del Presidente della Camera, che ricordiamo è un esponente di spicco del partito di maggioranza nella coalizione di governo.

A Fico rispondono Anna Ascani, Alerria Morani e Andrea Rossi che gli chiedono di telefonare ai suoi compagni di partito invece di continuare con i Tweet.

Quel che di più colpisce però è il silenzio del Presidente Conte, che in questi giorni non ha mai fatto sentire la sua voce.

La destra europea dice no a Salvini

Dall’Europa nessun segnale. Anzi, è proprio dagli alleati europei di Salvini che vengono secchi no a qualunque collaborazione: come quello scandito dal Cancelliere austriaco Kurz (l’Austria è presidente di turno della Ue), esponente di quella destra xenofoba e autoritari che tanto piace al ministro dell’Interno italiano.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli