Fassino: “M5S e Lega si prendano le loro responsabilità. Anche sulla Siria”

Focus

“Dovrebbero essere consapevoli che ci sono questioni che richiedono senso di responsabilità e realismo”

“Un contesto internazionale così problematico dovrebbe spingere ad accelerare la formazione dell’esecutivo. Oggi c’è uno stallo causato dai veti reciproci tra centrodestra e Cinquestelle. Bisognerebbe essere consapevoli che ci sono questioni ben più importanti che richiedono senso di responsabilità e realismo”. Così Piero Fassino, responsabile Esteri del Pd, in un’intervista al Mattino, che aggiunge: “Il tempo delle furbizie e delle mosse tattiche è scaduto. Se sono in grado di fare un governo, lo facciano. Se non sono in grado, ne prendano atto e si apra uno scenario nuovo”.

La crisi in Siria

“L’intervento militare di venerdì’ notte è stata la reazione inevitabile nei confronti di chi ha usato gas tossici”, secondo Fassino, e “come hanno chiarito Francia, Gran Bretagna e Usa si è trattato di un intervento circoscritto e di tipo sanzionatorio”, ma adesso “bisogna rilanciare l’iniziativa di Staffan De Mistura, l’inviato Onu per la Siria”.

“L’Italia – osserva – ha scelto un profilo preciso: sostenere in ogni modo gli sforzi di Ue e Onu per arrivare a una soluzione politica. Siamo solidali con gli alleati, ma non abbiamo ritenuto di assumere una partecipazione militare attiva”. Una linea che potrebbe cambiare nei prossimi giorni? “Non credo che cambierà – risponde -. Comprendiamo le ragioni che hanno spinto Londra, Parigi e Washington, ad agire ma lo sforzo massimo deve concentrarsi nell’azione diplomatica e politica. E l’Italia intende sostenerla in tutti i modi e sedi”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli