Niente trucchetti: chi ha più voti alle primarie è il segretario

Focus

Una proposta “coinvolgente” da rivolgere non solo agli elettori del M5s ma tutti gli italiani

Darsi una leadership forte e una linea politica chiara. Il Congresso del Pd servirà a questo. Sembrano ovvietà. Però a nostro avviso bisognerebbe fare un po’ di chiarezza.

Secondo noi, per esempio, l’idea che nessun candidato ottenga il 50 per cento alle primarie è molto debole. Per il semplice fatto che ai gazebo verrà naturale polarizzare il voto sui due più forti emersi dai congressi di circolo. D’altronde finora è stato così: alle primarie sono sempre andati tre candidati e uno di loro ha preso più del 50.

Ma anche ove nessuno conquistasse la maggioranza e si dovesse decidere in Assemblea nazionale, secondo noi dovrebbe trattarsi di una proclamazione formale, essendo chiaro e condiviso che il primo arrivato alle primarie è il vincitore. Insomma, niente giochetti e meno che mai ribaltoni (tipo, il secondo e il terzo si mettono d’accordo contro il primo). Ci vorrebbe un agreement fra i tre candidati: chi arriva primo ai gazebo ha vinto, punto e basta. Se ha preso meno del 50% sarà un problema suo quello di rafforzarsi via via ma intanto il segretario è lui. Questa è la nostra personale convinzione.

Molti si lamentano della poca chiarezza circa le proposte dei vari candidati. Comprendiamo il rilievo ma confidiamo che nelle prossime settimane i candidati facciano capire meglio cosa vogliono e in cosa si differenziano fra loro. Sarebbe utile che producessero dei testi scritti – per carità, non di 100 pagine che non leggerebbe nessuno – nelle quali prospettare con chiarezza soprattutto due cose.

La prima riguarda la mitica “linea politica”. Cosa si vuol fare per accelerare la crisi del sistema gialloverde? Come si intende costruire un’ipotesi di governo riformista? Che tipo di rapporti si vogliono instaurare con pezzi fondamentali di società con cui si è perso il legame? Infine, che tipo di organizzazione si vuole dare ad un partito in gran debito di ossigeno? Non è poco. Ma a otto mesi dalla batosta del 4 marzo è ora di rialzarsi dal tappeto e guardare avanti: rendiamoci conto che qui è possibile che si vada a votare l’anno prossimo per le politiche (oltre che per le Europee).

Forse tenendo conto di questa obiettiva urgenza, ieri Walter Veltroni ha detto a Piazzapulita  che bisogna offrire  all’elettorato di Cinque Stelle un discorso “coinvolgente”: è talmente giusto che riteniamo che esso vada rivolto non solo a chi ha votato per Di Maio e Di Battista ma a tutti gli italiani. Cioè: bisogna avanzare una proposta “nazionale”, di governo, riformista. Per parlare ad un Paese che fra non molto avvertirà tutta la delusione per l’esperimento gialloverde ed avere una proposta di governo da sottoporre ai cittadini e alla forze politiche.

Infine, una notazione sulla questione della coincidenza fra segretario e candidato premier. Un forte leader di partito – un “capo” – è naturaliter candidato a palazzo Chigi. È lui la figura su cui il Pd deve puntare per candidarsi a governare. Il problema è che, rientrati (sciaguratamente) in un sistema proporzionale, bisognera fare i conti con gli alleati della coalizione, ed è possibile che questi ultimi non accetteranno il leader del Pd come capo del governo ma convergeranno su un’altra figura. E allora che si fa? Si sventola lo Statuto? Si ritorna dunque al gioco politico fra alleati: può non piacere ma è così. Qui non abbiamo la soluzione tecnica per dirimere la questione, ma il problema esiste. Tocca ai candidati prospettare la soluzione.

Vedi anche

Altri articoli