Fertility Day: breve riassunto di un fallimento mediatico

Focus

Dagli scatti ansiogeni alle foto tacciate di razzismo: la campagna del Fertility Day è un piccolo manuale degli errori da evitare nella comunicazione

schermata-09-2457654-alle-17-08-25Che il Fertility Day abbia scatenato un mare di polemiche è un fatto conclamato. Ma in particolare a rappresentare il vero punto debole della campagna del ministero della Salute è stato il suo lato mediatico. Quasi in maniera sistematica tutte le immagini pubblicitarie a supporto dell’iniziativa si sono rivelate, nel migliore dei casi, poco focalizzate, nel peggiore addirittura offensive: un boomerang devastante che si è ingrossato in rete fino ad acquisire le caratteristiche della virilità; dalla famosa foto della clessidra che recita “La bellezza non ha età. La fertilità sì.”, percepita come monito ansiogeno, a quella del rubinetto che sgocciola “La fertilità è un bene comune“, che appare superficialmente equiparare tutte le situazioni (quella di chi può procreare e di chi, magari, non può permetterselo). Tanto che, a suggellare questa serie di imbarazzanti autogol iconografici è arrivato lo stesso Matteo Renzi, che si è smarcato dall’iniziativa: “Per fare i figli servono situazioni strutturali, non cartelloni” .

In un primo momento, a occuparsi della comunicazione della campagna è stata l’agenzia di Milano Mediaticamente, che tra le altre cose avrebbe sviluppato un videogioco schermata-09-2457654-alle-17-09-55(rimosso in tempo record dalla rete) in cui un ovulo e uno spermatozoo sono intenti a scansare temibili sigarette, siringhe e cocktail (sic). In seguito al montare delle critiche l’agenzia è stata destituita dal suo incarico, e si è scelto di ripartire da zero. Il primo settembre la stessa ministra Beatrice Lorenzin ha fatto marcia indietro: “Stiamo ricalibrando la comunicazione e rivedendo le cartoline che hanno fatto più scalpore”. Da mesi inoltre circola la notizia di un bando da 113.300 euro indetto dal ministero per “promuovere direttamente l’idea che la Fertilità è un bene comune”, il cui intento, a giudicare dai risultati, è rimasto (per dirla eufemisticamente) irrealizzato.

Ma i guai non finiscono, in queste ore è stato ritirato un opuscolo ministeriale sull’infertilità, la cui copertina era stata accusata di razzismo: in seguito a tale episodio la Lorenzin ha addirittura revocato il mandato al direttore generale per la comunicazione del ministero (ma non sarebbe stato meglio controllare prima?).
Rispetto a quest’ultima immagine (qui sopra a destra), in rete qualcuno fa notare come la qualità estetica del montaggio sia sciatta e non professionale; l’accostamento degli scatti che ritraggono due gruppi di giovani è l’unione di due fotografie reperibili facilmente attraverso delle banche dati di foto online, tipo Shutterstock. E giocoforza ci si chiede quali siano le logiche che sottostanno all’assegnazione di tali lavori, se il risultato è così scadente, in virtù del fatto che in Italia abbondano validissimi studi di grafica e di comunicazione, che saprebbero sicuramente fare di meglio, o, quantomeno, evitare effetti così smaccatamente controproducenti.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli