Il governo Conte utilizza la fiducia più di Renzi e Letta. Ma il M5s ora non protesta più

Focus

Con il 31,58% di fiducie il governo Conte è secondo solo ai governi Gentiloni (32,9%) e Monti (45,13%). Ma allora era dittatura, oggi nessuna lamentela

Sono ormai lontani i giorni in cui i parlamentari M5s protestavano vivacemente ogni qual volta il governo decideva di porre la questione di fiducia.

Le proteste M5s nella passata legislatura

Giorni lontani e per alcuni gloriosi. Memorabili le scene di Paola Taverna, oggi vicepresidente del Senato, urlante a denunciare la “dittatura” della maggioranza. Di Battista che accusava il governo di porre la fiducia per “approvare le sue porcate”, o Di Maio che parlava di “emergenza democratica. Nelle aule parlamentari si sta consumando l’ennesima aberrazione istituzionale”

I dati sull’utilizzo della fiducia

Oggi che dopo 5 anni di proteste, occupazioni dei banchi del governo, denunce, salite sui tetti sono loro la maggioranza il discorso è cambiato. Sì perché i dati dei primi sei mesi di governo evidenziano come la maggioranza giallo-verde abbia approvato 31,58%, seconda negli ultimi 10 anni solo al governo Monti che  ha ricorso alla fiducia per approvare il 45,13% dei provvedimenti e quello di Gentiloni per il 32,9%. Molto di più dei governi Renzi e Letta che hanno ricorso alla fiducia rispettivamente per approvare il 26,7% e il 27,7% delle leggi.

Questi sono i numeri del governo del cambiamento, di coloro che dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. Nulla di tutto questo è successo, e naturalmente oggi nessun parlamentare M5s protesta per l’eccessivo ricorso alla fiducia.

La Taverna non protesta più

E dal Pd ricordano alla vicepresidente Taverna quei memorabili giorni quando urlava al colpo di stato, mentre oggi risuona il silenzio a fronte delle molteplici fiducie poste dal governo Conte.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli