Freccero epurator: Luca e Paolo cacciati dalla Rai

Focus
Carlo Freccero Imagoeconomica

Il neo direttore annuncia cambiamenti a Rai 2 ma il Pd denuncia: ” Calata la scure sovranista. Cacciati per averci fatto ridere su Toninelli”

Sulle orme dell’ “editto bulgaro” di berlusconiana memoria, Carlo Freccero – già direttore di Italia 1 ed ex uomo Fininvest – ha annunciato dalle colonne del Corriere della Sera quale sarà il nuovo profilo della Rai, facendo la lista della spesa dei buoni e dei cattivi.

Luca e Paolo, ad esempio, sono nel secondo elenco: saranno cacciati dalla Rai. Motivazione? “Mi dispiace per Luca e Paolo ma la sfida dell’informazione è centrale” spiega Freccero al Corriere.

Ma Andrea Romano, deputato dem, non ci sta e su Twitter attacca la scelta: “Un violento EdittoFreccero contro chiunque critichi il governo Lega-M5s: via Luca e Paolo da Rai2, colpevoli di averci fatto ridere su Toninelli. Una gag straordinaria, da rivedere prima che l’epurator Freccero la tolga anche dal web“.

Voci di denuncia anche dalla commissione di Vigilanza Rai: “Carlo Freccero, al quale pur non manca competenza professionale – scrive il senatore Pd Salvatore Margiotta – si è guadagnato sul campo, per meriti acquisiti in Rai, il nuovo titolo di Epurator. Il palinsesto di Rai 2 parte infatti dalla cancellazione di Luca e Paolo e di tutti coloro che possono non essere d’accordo con la nuova linea sovranista della rete. Freccero non tollera più la satira sui ministri 5 Stelle”.

Oltre all’epurazione di Luca e Paolo, poco graditi al sistema di potere gialloverde, è tutta la proposta di cambiamento a non convincere. La parlamentare Pd Alessia Morani, sempre sui social, scrive: “Il buongiorno di Freccero: epurati Luca e Paolo per leso Toninelli e leso Casalino, sfrattato Costantino della Gherardesca che faceva ascolti, smembrato Nemo. Calata la scure sovranista su Rai Due“.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli