Cremona, testa a testa tra Galimberti e Malvezzi

Focus

Al primo turno meno di 1.800 voti hanno diviso il sindaco uscente di centrosinistra dall’avversario di centrodestra. La sfida è molto incerta

A Cremona il primo turno ha visto due candidati primeggiare su tutti. In prima posizione si è piazzato il sindaco uscente di centrosinistra Gianluca Galimberti  con il 46,37% dei voti, mentre appena sotto con il 41,65% si è piazzato il candidato di centrodestra Salvatore Malvezzi.

Una distanza minima, che in termini di voti si quantifica in meno di 1.800 preferenze. Questo fa capire quanto la partita sia aperta tra i due.  Per Galimberti una situazione analoga a quella di cinque anni fa, quando al primo turno si fermò al 46% per poi vincere al secondo con il 55%.

Al secondo turno non ci saranno apparentamenti con il grillino Luca Nolli (5,76%) e il forzista, candidato con una lista civica Ferruccio Giovetti (3,31%) che non daranno indicazioni di voto, lasciando ai propri elettori libertà di scelta. Altri tre erano i candidati che però non hanno dato sostegno per il ballottaggio: Francesca Berardi, candidata di sinistra, (1,45%), Diego Ratti per Casapound (0,82%) e Alberto Madoglio per Alternativa comunista (0,66%). Difficilmente Malvezzi riuscirà a pescare nell’elettorato della Berardi e di Madoglio, mentre gli elettori di Ratti potrebbero votare per l’esponente di centrodestra. Discorso inverso vale per Galimberti.

La partita si giocherà comunque sulla capacità di convincere i propri elettori a tornare alle urne al ballottaggio e sul conquistare i voti andate alle liste escluse dal secondo turno. Gli elettori  grillini, nonostante il M5s abbia  raccolto un pessimo risultato, potranno risultare decisivi. Il centrosinistra in questi giorni sta moltiplicando gli sforzi per cercare di riconfermare Galimberti.

Al suo fianco nella giornata di ieri sono scesi due colleghi lombardi: Giorgio Gori rieletto il 26 maggio al primo turno sindaco di Bergamo ed Emilio Del Bono che lo scorso anno è stato eletto per la seconda volta come sindaco di Brescia. Due amministratori capaci che sono riusciti ad essere rieletti a distanza di cinque anni fa. Sindaci che fanno parte di quel centrosinistra vincente nelle città lombarde. Ora è il momento di Galimberti, ma per essere riconfermato dovrà prevalere domenica su Malvezzi.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli