Lo statista e l’analfabeta. La giornata di Gentiloni e Di Maio

Focus

La follia del capo del M5s al Quirinale, mentre il premier si rafforza a Bruxelles

Ci sono state due scene emblematiche ieri. Nella prima, l’attuale premier italiano Paolo Gentiloni percorre i corridoi dell’Europarlamento insieme a Emmanuel Macron e Angela Merkel. Nella seconda, c’è un aspirante premier, Luigi Di Maio, che va al Quirinale per lasciare una busta con una lista di ministri nelle mani del segretario generale Zampetti.

E ho detto tutto, avrebbe concluso Totò.

Ma avviciniamoci alle due istantanee. Gentiloni è andato a Bruxelles non tanto per “tranquillizzare” Juncker – che nel frattempo aveva già corretto le frasi sulla preoccupazione per il post 4 marzo italiano – quanto per dare un’ulteriore registrata ai suoi già buonissimi rapporti con la Merkel e Macron. Era necessario dare un’idea plastica della convergenza fra Italia, Francia e Germania in una fase di particolare incertezza delle istituzioni europee e di grave debolezza politica dei suoi paesi più importanti.

Bene, i rapporti sono eccellenti. La “regia” ha immortalato una particolare sintonia fra i tre statisti. L’Italia c’è. L’Europa sa che la classe di governo attuale è affidabile. E se Juncker ha platealmente stonato con la sua esternazione, perché non sta a lui esprimersi in quei termini, è evidente che l’Europa politica e il mondo economico e finanziario del Vecchio Continente hanno più di qualche preoccupazione circa l’ipotesi di un ritorno di Berlusconi (ricordate i sorrisi della Merkel e Sarkozy?) o di un avvento al governo di forze populiste o digiune di politica internazionale. Sì, Gentiloni, Renzi, Padoan, Calenda è tutta gente che Bruxelles apprezza, e molto.

Ed eccoci a Di Maio. Egli ha compito una mossa mediatica totalmente assurda: recarsi al Colle per presentare un “lista dei ministri” che nessuno gli aveva chiesto e poteva chiedere. Ovviamente Mattarella si è guardato bene dal riceverlo. Lo ha considerato alla stregua non di un capo politico ma di una specie di seccatore, un analfabeta istituzionale, un ragazzo di belle speranze a favore di telecamere. Ma si può mettere l’Italia nelle mani di uno così?

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli