Gentiloni al Tg1: “Chi promette la luna ti porta nel burrone”

Focus

Intervistato al Tg1 il premier uscente avverte: “Se ci si avventura su proposte populiste e estremiste si rischia di andare fuori strada”

“Per le riforme ci vuole serietà e credibilità. Di solito chi ti promette la luna ti porta nel burrone”. Lo afferma il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nell’intervista al Tg1 di fine campagna elettorale. E’ un avvertimento quello dell’esponente dem verso le promesse altisonanti degli avversari che in questa campagna elettorale hanno promesso qualsiasi cosa, ma dimenticandosi di fare i conti con le coperture.

Anche per questo la posta in gioco “è alta”, dice Gentiloni, perché “se ci si avventura su proposte populiste e estremiste si rischia di andare fuori strada”. Il premier spiega che “siamo usciti dal disastro e ora c’è l’attesa che questo si trasformi in migliori condizioni”, ma “per far questo non devi disperdere gli sforzi fatti finora”.

Ecco gli altri punti affrontati ai microfoni del Tg1:

Incoraggiare il lavoro stabile e aiutare le famiglie

Quali sono le prossime riforme che servono? “Senz’altro lavoro per incoraggiare il lavoro stabile rispetto a quello pagato tre o quattro euro l’ora e per avere meno tasse sul lavoro. E poi un impegno straordinario per le famiglie numerose”.

“C’è la percezione che siamo usciti dal disastro ma anche l’attesa sacrosanta che si trasformi in migliori condizioni, migliori stipendi, una condizione migliore in generale per le nostre famiglie. Per fare questo non devi disperdere quanto fatto fino a oggi”, aggiunge.

I dazi di Salvini? Un aiuto per gli stranieri

Introdurre i dazi? “Noi tuteliamo il lavoro. Si veda il caso Embraco proprio oggi. E se ci saranno guerre commerciali risponderà l’Italia, l’Europa. Ma attenzione perché abbiamo un’economia che vive e lavora di esportazioni. Un italiano che propone i dazi, lavora per lo straniero“.

L’allarme sicurezza non è da sottovalutare

“L’allarme sicurezza, che c’è, va preso sul serio non per diffondere paure ma per garantire sicurezza. La minaccia della sicurezza l’Italia l’ha retta non peggio di altri Paesi europei”.

Il Sud al centro dell’iniziativa di governo

A una domanda se ritenga di aver fatto abbastanza per il Sud, risponde: “Abbastanza mai per il Sud. Il tema è stato messo al centro, molti investimenti pubblici ma anche privati: spero che questo porti più sviluppo e più lavoro”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli