Dopo 4 mesi accordo fatto, sarà di nuovo Grosse Koalition

Germania

Un rush finale di 24 ore ininterrotte di consultazioni, poi l’intesa Merkel-Schulz

Dopo quattro mesi d’incertezza e di trattative in Germania si è trovato l’accordo per formare il nuovo governo. I giorni successivi alle elezioni del 24 settembre i risultati elettorali, che hanno visto i due partiti principali Cdu-Csu e SPD (alleati di governo nella passata legislatura) arretrare considerevolmente, il partito guidato da Martin Schulz si era reso indisponibile a trattare per formare un nuovo governo di coalizione.

Sì perché tra i due partiti principali proprio l’Spd è stata la formazione maggiormente penalizzata. Così si è proceduto ad un’intesa tra Cdu, Verdi e liberali (cosiddetto governo Giamaica), intesa che però non si è trovata. E così si è ritentata la via dell’accordo tra i due principali partiti.

Dopo quasi 24 ore ininterrotte di consultazioni l’accordo finale c’è, anche se prima di arrivare ad avere un esecutivo bisognerà aspettare però forse fino a Pasqua, e il percorso non è privo di insidie, a partire dal prossimo congresso Spd che dovrà ratificare l’intesa. Il compito non facile di Martin Schulz dovrà essere quello di convincere delegati e iscritti che una nuova coabitazione con Merkel sia la strada giusta, per i socialdemocratici e per la Germania. Nei giorni scorsi i Giovani della Spd erano tornati all’attacco annunciando battaglia al congresso.

I dirigenti dei partiti dell’Unione (Cdu-Csu) e Spd si sono accordati per superare gli scogli che da settimane incagliavano le trattative per una nuova riedizione della Grosse-Koalition: tasse e migranti. E’ stato raggiunto l’accordo di non aumentare l’aliquota massima di imposta, come invece chiedeva l’Spd, e di permettere il ricongiungimento familiare dei migranti al ritmo di 1000 persone al mese.

Sono ventotto le pagine del programma su cui l’Union di Angela Merkel e i socialdemocratici di Martin Schulz si sono accordati per dare vita ad una riedizione della Grosse Koalition. La paura di una nuova avanzata della destra di AfD alle nuove elezioni, ha convinto i dirigenti di Cdu-Csu, Merkel in primis, ad accontentare il più possibile i desideri di quell’Spd.

Esprime soddisfazione Martin Schulz che parla di “un risultato eccezionale” mettendo l’accento sui risultati raggiunti “per un contratto di governo” sullo stato sociale, con l’aumento degli aiuti alle famiglie, gli investimenti nel sistema della formazione. “Abbiamo raggiunto l’unanimità con i nostri negoziatori del Spd”.

Angela Merkel ammette di aver avviato i colloqui esplorativi con la Spd senza la certezza di poterli portare a buon fine. All’inizio, ha dichiarato “non ero sicura che i colloqui avrebbero avuto successo”, viste la grandi divergenze di vedute tra conservatori e Spd. La Cancelliera ha parlato di “colloqui intensi, seri, profondi”, di un documento di intesa fatto di “dare e avere, come deve essere”. Il risultato, ha aggiunto “non è superficiale” e contiene l’impegno a lavorare “seriamente per arrivare ad avere i requisiti oggi e in questa legislatura per poter vivere bene in Germania anche tra 10 e 15 anni. I negoziati – ha aggiunto – non saranno più facili di quanto siano stati i primi contatti. Ma sono ottimista sul fatto che si otterranno i risultati“.

Intanto le borse festeggiano l’accordo e l’euro sale ai massimi da tre anni superando la soglia 1,21 dollari spingendosi fino a un massimo di seduta di 1,2137 dollari.

Anche i leader europei esprimono soddisfazione per l’accordo. Tra i primi il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che su Twitter ha commentato: “L’intesa tra #Merkel e #Schulz getta le basi per un governo di coalizione in Germania. Una buona notizia per l’Europa”.

Soddisfazione esprime anche il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker: “Sono soddisfatto di ciò che Cdu, Csu e Spd hanno deciso per il futuro. E’ estremamente positivo, è estremamente costruttivo, è un’attitudine propizia per il futuro”

Dunque, per la seconda volta consecutiva sarà la Grosse Koalition a governare la Germania.

Vedi anche

Altri articoli