Tutto quello che noi abbiamo fatto per i giovani

Focus

Resto al Sud, garanzia giovani, bonus cultura, borse di studio. E’ poco? Sicuramente: vogliamo fare di più

Me lo immagino così. Una bolla che può scoppiare da un momento all’altro.

C’è una parte politica che dice: reddito minimo garantito o di cittadinanza. La parola è bella, la cittadinanza è cosa nobile e seria. Ha a che fare con l’abitare il mondo.

L’inghippo è qui. Questa proposta, già valutata da molti osservatori come insostenibile finanziariamente, nasconde una forma di assistenzialismo perché non ha per sua natura l’obiettivo dell’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro.

Nulla di quell’abitare il mondo che, immagino e ne sono sicura, è l’obiettivo più importante per chi ha dai 18 ai 30 (e oltre) anni. Non ci insegna nulla la generazione Erasmus? Non vuole essere parcheggiata dove qualcuno (lo Stato?) ti dà 780 euro al mese, forse di più, per che cosa? Niente, per essere cosa? Niente, per imparare a fare cosa? Niente.

Dovremo condannarli a questo? A essere niente? Ma allora, a che serve la politica. Per me a cambiare le cose, non a costruire bolle. E in questi anni di cose, dal 2014, ne abbiamo cambiate tante. Abbiamo messo in campo strumenti per l’occupazione giovanile e vogliamo continuare a farlo: affinandoli, migliorandoli, rafforzandoli.

Sapendo che il problema dei giovani nel mercato del lavoro è anche quello di una domanda di lavoro “povera”, abbiamo investito sulle politiche attive e sugli incentivi all’assunzione, sul potenziamento della formazione nelle discipline STEM. Abbiamo sostenuto l’innovazione e la ricerca nelle imprese. Potenziando gli investimenti anche attraverso Industria 4.0 perché proprio le generazioni più giovani e già formate potessero trovare un riscontro tra le loro competenze e quelle richieste dal mondo del lavoro. Mentre grazie agli incentivi alla creazione d’impresa nascevano molte start-up giovanili e femminili con idee innovative e originali.

Sgravi contributivi per assunzioni a tempo indeterminato; sostegno ai percorsi formativi; contratti di apprendistato e alternanza scuola-lavoro (che dobbiamo fare funzionare sempre più, sempre meglio); per chi sceglie l’agricoltura (quella di eccellenza è possibile, è il futuro): contratti di affiancamento, esonero contributivo, promozione di filiere agricole nel Mezzogiorno e Distretti del cibo, “Banca delle Terre incolte”, mutui a tasso zero per imprese under 40 e fondo di garanzia per l’accesso a mutui, detrazioni fiscali per chi affitta,terreni; e, ancora, incremento del Fondo di finanziamento ordinario delle Università per l’assunzione di ricercatori; “Resto al sud” per l’imprenditoria giovanile; auto imprenditorialità, per chi ha fino a  35 anni e per le donne  con finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa fino al 75% delle spese totali ammissibili. Sono state queste le misure.

E Garanzia Giovani, che già conta circa 360mila ragazze e ragazzi che hanno trovato lavoro. E il Bonus cultura per i diciottenni. E borse di studio per sostenere l’accesso all’università di chi proviene da situazioni fragili, già incrementate con 50 milioni dal 2017 e altri 20 a partire dal 2018.

E’ poco? Sicuramente: vogliamo fare di più. Più qualità del mercato del lavoro, più sostegno alla formazione, alle industrie creative, al Terzo settore, alle fragilità sociali ed economiche, alle nuove professioni, all’innovazione e alla ricerca.

E vogliamo fare di più con il reddito di inclusione, che non illude nessuno ma sostiene progetti personalizzati di reinserimento sociale e occupazionale, raddoppiando le risorse come abbiamo già fatto con l’ultima Legge di bilancio.

Non è e non sarà un reddito minimo a riempire la vita. Altro che cittadinanza! E’ solo un recinto, un parcheggio.

Dove si annebbiano e si rendono inerti energie, curiosità, passione, voglia di fare, voglia di cambiare il mondo.
Un trucco farlocco e furbo sostenuto da voci suadenti a microfoni accortamente mediatici.
Io non ci casco. Le ragazze e i ragazzi di questo Paese meritano molto di più. Hanno diritto al mondo.

Vedi anche

Altri articoli