Vogliono rubare gli 80 euro a 11 milioni di italiani

Focus

Il governo gialloverde vuole colpire i più deboli per finanziare una Flat Tax conveniente per chi sta meglio

Una delle grandi idee del governo, già disperato perché i conti non tornano, è quella di cancellare gli 80 euro per i lavoratori dipendenti con meno di 26mila euro di reddito annuale, circa 11 milioni di italiani.

Siamo di fronte a una cosa vergognosa.

Alla faccia del “contratto” e della trasparenza: mica avevano avuto il coraggio di dirlo, in campagna elettorale, che avrebbero tolto questi denari dalle tasche dei più deboli. E invece.

Invece, siccome non sanno dove trovare i soldi per le loro fantomatiche promesse – a partire da una flat tax che si profila davvero come una misura di classe, a favore di chi sta meglio – vogliono fare come il più tipico dei Robin Hood alla rovescia: e quindi, dàgli ai lavoratori dipendenti per dare ai ricchi.

Dicono che gli 80 euro è una roba complicata perché se un lavoratore dopo supera una certo scaglione li deve restituire. E dove sta la complicazione? Intanto, se sta sotto i 26mila, li prende.

È una misura sociale del governo Renzi, come si ricorderà. Sollevò polemiche e facili ironie. Ma un fatto è certo: come disse persino un nemico del governo Renzi come Maurizio Landini, nessuna lotta sindacale avrebbe ottenuto un “aumento” in busta paga di 80 euro. Aspettiamo adesso che il sindacato protesti.

Dunque, questi gialloverdi prima hanno tolto un po’ di lavoro ostacolando i contratti a termine e la possibilità di trasformarli in tempi indeterminati; poi hanno tolto fondi ingenti alle periferie; ora vogliono togliere soldi ai redditi più bassi nel pubblico; domani faranno il condono chiamandolo poeticamente “pace fiscale” e s’inventeranno un abbozzo di riforma fiscale vantaggiosa per chi sta meglio. I mercati non reagiranno bene: ma non sarà un complotto pluto-giudaico-massonico, solo la realtà che vince sulla demagogia.

Poi non lamentatevi se ci sarà un autunno caldo.

Vedi anche

Altri articoli