Ilva, incidente mortale per un operaio. Sciopero immediato dei sindacati

Focus

Durante le attività di manutenzione nella sala argani della gru DM6 al IV sporgente, si è verificato un incidente che ha coinvolto Angelo Fuggiano, 28 anni, dipendente della ditta appaltatrice Ferplast

“In merito all’infortunio mortale occorso in data odierna al collega della ditta Ferplast, richiamando con forza le precarie condizioni in cui vivono i lavoratori delle aziende dell’appalto e dell’indotto Ilva che alle continue tensioni di precarietà, mancanza di stipendi, incertezza sul futuro, aggiungono anche minori condizioni di sicurezza, si proclama lo sciopero immediato dalle ore 11 odierne fino a tutto il primo turno di domani“. Lo annunciano la Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb.

I fatti

Questa mattina, durante le attività di manutenzione nella sala argani della gru DM6 al IV sporgente, si è verificato un incidente che ha coinvolto Angelo Fuggiano, 28 anni, dipendente della ditta appaltatrice Ferplast, il quale è deceduto a seguito di un impatto con una fune. Lo rende noto l’Ilva in un comunicato, precisando che l’area è attualmente non operativa e occupata solamente dalla ditta esterna che ha in corso la manutenzione dell’area stessa. La gru DM6 era ferma da due giorni per attività di manutenzione. Sul posto sono interventi immediatamente i Vigili del Fuoco, il personale sanitario interno e i medici del 118 per cercare di rianimare il dipendente subito accasciatosi dopo l’accaduto. Sono in corso da parte dell’azienda tutte le indagini per poter risalire alle cause dell’evento. L’azienda esprime profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia di Angelo Fuggiano e a tutti i suoi cari.

I sindacati denunciano che “nel corso degli ultimi mesi sono stati consumati più scioperi (ultimo il 30 aprile) denunciando le condizioni di sicurezza carenti, generate anche da una serie di mancanze organizzative, assenza di investimenti e manutenzioni più volte denunciati, oggi l’ennesimo inaccettabile episodio”. Le organizzazioni sindacali “ritengono non più rinviabile una seria discussione sull’intero sistema degli appalti che viene ancor più aggravato dallo stallo della trattativa Ilva in cui uno dei punti delle nostre rivendicazioni è l’avvio di un vero e proprio codice degli appalti. Contestualmente, chiediamo a Sua Eccellenza il Prefetto di Taranto, una celere convocazione per rappresentare la grave e oramai non più sostenibile situazione”.

Le reazioni

“Profondo dolore per la morte di Angelo Fuggiano. Non doveva accadere. Di lavoro non si può e non si deve morire. A Taranto come dovunque. Mi auguro che siano accertate immediatamente la dinamica di questo incidente mortale e che siano perseguiti i responsabili. Alla famiglia il mio abbraccio”. Cosi’ la viceministro dello Sviluppo economico, Teresa Bellanova dopo aver appreso la notizia della morte di Angelo Fuggiano.

“Angelo è morto. È morto lavorando. Non ho più parole capaci di raccontare la drammaticità della situazione. Serve un cambio di passo: politica e impresa si assumano responsabilità. Un abbraccio alla famiglia di Angelo, martire del lavoro”. Lo scrive su twitter Susanna Camusso, segretaria generale Cgil.

Anche la deputata Pd Chiara Gribaudo commenta la terribile notizia:

“Incidente mortale all’Ilva di Taranto ci lascia ancora una volta sgomenti e addolora tutta la Cisl Nazionale. Siamo vicini alla famiglia ed agli amici di Angelo. Serve mobilitazione di tutto il paese. Non faremo sconti a nessuno finche’ non avremo più sicurezza nei posti di lavoro”. Lo scrive su twitter Annamaria Furlan, segretaria generale Cisl.

“Da subito vanno assicurati e ripristinati gli standard di sicurezza conseguentemente va accelerata la partita con ArcelorMittal sulla cessione dell’impianto e l’implementazione e l’ammodernamento dello stesso”, dice invece  il segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli. “Un abbraccio forte e le nostre condoglianze alla famiglia di Angelo. Lotteremo anche per lui, un lavoro in cui si perde la vita è una vergogna nazionale”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli