Il giallo dell’incontro Salvini-Casaleggio: M5S smentisce, Calabresi conferma

Focus

Un altro tassello del sempre più concreto “inciucio populista”

Il leader della Lega Matteo Salvini avrebbe incontrato in gran segreto Davide Casaleggio, plenipotenziario, insieme a Beppe Grillo, del Movimento 5 Stelle. A rivelarlo è una ricostruzione di Repubblica, firmata da Matteo Pucciarelli. Il vertice sarebbe avvenuto una decina di giorni fa a Milano, pare su richiesta dello stesso leader del Carroccio.

Erano i giorni – scrive Pucciarelli – di quella che sembrava ormai la dirittura d’arrivo della legge elettorale. Un proporzionale che, nell’ottica di Salvini, faceva prevedere lo scenario di una alleanza post-voto tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi (….) Da qui la richiesta fatta recapitare al capo della “Casaleggio associati”: un faccia a faccia per, per aprire una interlocuzione. Da anni, a intervalli regolari, Salvini tentava un approccio con Beppe Grillo, ricevendo sempre un diniego. E’ andata diversamente con Casaleggio junior, sempre attentissimo a restare defilato e allo stesso tempo decisamente più pragmatico del fondatore del Movimento. Una disponibilità al confronto che, di per sé, ha già un significato politico. 

Caso vuole che proprio pochi giorni dopo la situazione sia completamente cambiata. La legge elettorale disegnata sul modello tedesco, frutto di un accordo tra Pd, Forza Italia, M5S e Lega, è naufragata alla Camera sul voto di un emendamento apparentemente secondario. La data delle elezioni si è di nuovo allontanata e il centrodestra si è ricompattato in occasione della amministrative.

Amministrative che si sono rivelate invece un flop per i grillini che, in poche ore, hanno elaborato una nuova strategia elettorale: una svolta a destra sui migranti e sullo ius soli, di cui si è fatto portavoce Grillo in persona.

Tanto è bastato per far esplodere di gioia Salvini (“finalmente la pensano come noi”) e CasaPound.

In poche ore, però, arriva la violenta presa di distanza dei vertici del Movimento 5 Stelle. Lo stesso Casaleggio smentisce “qualsiasi incontro segreto con Salvini” e parla di “metodo Repubblica, di morte dell’informazione e di notizie false”. Ancora più duro Luigi Di Maio che in un post su Facebook dal titolo “Repubblica l’ha fatta grossa” arriva ad ipotizzare le dimissioni del direttore Mario Calabresi e accusa il quotidiano di “coprire il Pd”.

Ma proprio Calabresi conferma tutto.

Più moderato, meno complottista ma decisamente più possibilista il commento della Lega: “Al contrario di quanto scrive il quotidiano La Repubblica oggi, non c’è mai stato un incontro tra il segretario della Lega Matteo Salvini e Davide Casaleggio. È l’ennesima fantasia giornalistica. Non si esclude, comunque, che in futuro i due possano vedersi”.

 


card_nuova

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli