Il sogno Juve dura solo un tempo. Il Real la risveglia e torna sul tetto d’Europa

Focus

I campioni d’Italia prendono una durissima lezione dagli spagnoli. Il 4-1 finale è una mazzata inaspettata

Il grande sogno della Juve dura solo 45 minuti. Il Real Madrid conquista la dodicesima Champions League / Coppa Campioni della sua incredibile storia, la seconda consecutiva, la terza negli ultimi quattro anni. Dopo un primo tempo equilibrato (con i bianconeri anche migliori in molte fasi del match), nel secondo tempo il Real cambia completamente marcia e annichilisce i campioni d’Italia.

Finisce 4-1, con la miglior prestazione stagionale dei madrileni e con Cristiano Ronaldo protagonista assoluto. Autore di una doppietta, il portoghese vola verso la conquista del quinto pallone d’oro.

Troppo grande la differenza tra le due squadre nella seconda frazione, con il Real che demolisce i sogni della Juve e distrugge letteralmente quella che è stata giustamente celebrata come “la difesa più forte d’Europa”.

Pesano nella Juve un calo fisico e tecnico complessivo del tutto imprevisto e la bruttissima serata di alcuni uomini chiave a cominciare da Paulo Dybala e da un mal servito Gonzalo Higuain. Grande rammarico per Gigi Buffon che perde una delle ultime occasioni della sua carriera peer conquistare l’agognata Champions e il pallone d’oro.


La cronaca della partita

Primo tempo: Juventus – Real Madrid 1 – 1

Inizio di partita scoppiettante per la Juve che dopo pochi minuti va vicinissima al gol con una gran botta di Miralem Pjanic da fuori: solo una gran parata di Keylor Navas toglie il pallone ben indirizzato all’angolino dal bosniaco. I bianconeri, nonostante un Dybala poco ispirato tengono meglio il campo e arrivano più facilmente in zona gol, ma proprio nel momento migliore della Juve arriva il colpo da biliardo di Cristiano Ronaldo che non sbaglia su assist di Carvajal e, complice una leggera deviazione di Bonucci, trova l’angolino basso alla destra di Buffon.

Per la Juve è una botta tremenda, ma la squadra di Allegri non si scompone e nel giro di pochi minuti trova il gol del pareggio con una spettacolare rovesciata di Mario Mandzukic su perfetta assistenza di Higuain. Esplode il popolo bianconero presente al Millennium Stadium di Cardiff e anche le migliaia di persone che stanno seguendo la “Signora” a Torino e in tutta Italia. Il primo tempo si chiude con una sostanziale supremazia della Juve ma con un pareggio che, per quello che si è visto in campo, è tutto sommato il risultato più giusto.


Secondo tempo: Juventus – Real Madrid 1 – 4

Già dalle prime battute del secondo tempo si capisce che per il Madrid l’aria è cambiata. L’ordine arrivato da Zidane durante l’intervallo è chiaro: attaccare di più, specie sfruttando le fasce. Il livello del gioco della Casa Blanca si alza molto e, dopo una sterile ma convinta pressione iniziale, arriva il gol del 2-1 con una botta da fuori di Casemiro, deviata da Khedira, che inganna un – nell’occasione non sicurissimo – Buffon. Per la Juve è una mazzata e infatti due minuti più tardi arriva il colpo del 3-1 con un gran gol ancora di Cristiano Ronaldo che, perfettamente imbeccato da Modric, anticipa tutta la difesa bianconera e con un delizioso tocco da sotto batte il portierone azzurro. A metà del secondo tempo il possesso palla dice 61% Real, 39% Juve.

Passano i minuti e, nonostante l’incitamento di Allegri, si percepisce che si è spenta la luce in casa Juve. L’allenatore toscano le prova tutte: fuori Barzagli dentro Cuadrado, fuori Pjanic dentro Marchisio, fuori addirittura un impalpabile Dybala dentro Lemina. Ma il copione non cambia: la Juve scesa in campo nel secondo tempo non è all’altezza di questo Real Madrid. L’ultima mezzora regala solo un brivido per Navas, con un ottimo colpo di testa di Alex Sandro e nulla più. Resta solo la sceneggiata di Sergio Ramos, capitano degli spagnoli, che porta all’espulsione di Cuadrado, e il gol finale di Asensio, che chiude definitivamente la partita.

La partita e la coppa sono dei blancos.


 

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli