L’Aquila, 9 anni fa. E non ci arrendiamo

Focus

Nel centro storico ci sono oltre 100 gru a testimoniare la rinascita e la rigenerazione di una bellissima ed indomita città

Quando si avvicina il 6 aprile noi aquilani ci trasformiamo, è come una metamorfosi che ci riporta a quel momento, a quell’urlo dell’orco che distrusse quelle 309 vite e che lacerò in maniera indelebile le nostre vite. Attraversare questa notte le strade buie della città e ricordare in migliaia quegli amici, fratelli, figli, madri costituisce un momento irrinunciabile.

Sono trascorsi nove anni e quei volti innocenti sono lì a marcare una distanza tra il prima ed il dopo. Nove anni a combattere contro l’indifferenza, l’ostilità, la mancanza di risorse e di progetti. Nove anni anche di risultati, strappati con le unghie e con i denti, perché quando crolla una città nella sua parte più bella,più antica, più identitaria, lì dove hai vissuto, studiato, amato, lavorato, fatto politica, ti manca tutto e ti manca troppo.

Non mi sono mai arresa, non ci siamo arresi, anche quando sembrava impossibile. E quando a Report su Rai 3 giorni fa, hanno parlato dell’Aquila, come esempio di resilienza e ricostruzione positiva, ho provato orgoglio di far parte di una comunità che certo non è immune da errori, ma che ha lavorato in particolare con i governi Renzi e Gentiloni per creare e realizzare le cose che in quella trasmissione sono state attribuite ad un miracolo.

Nessun miracolo: la nuova Università Gssi, gli accordi di programma per ampliare e rafforzare gli stabilimenti Thales Space e Dompe’ sono solo alcuni virtuosi esempi frutto di un lavoro incessante, fatto da una buona politica, da ottimi imprenditori e straordinari scienziati che hanno fatto della ricostruzione una questione nazionale. Nel 2013 erano finite le risorse ed era tutto bloccato e il governo Renzi mise 6 miliardi per i centri storici. Non c’erano risorse per lo sviluppo e ci siamo inventati il 4 per cento, il Gssi, gli accordi industriali, il progetto Fare centro per ripopolare con le piccole attività commerciali ed artigianali strade e piazze della città e dei borghi.

Abbiamo creduto nei giovani assumendo con concorso e selezioni centinaia di addetti alla ricostruzione, ora prorogati ed in parte in attesa di stabilizzazioni; portato la sperimentazione del 5g per una città moderna ed innovativa; stanziato le somme per la ricostruzione delle scuole, modificato le ingiuste norme che prevedevano la ricostruzione solo della prima casa; superato tanti ostacoli risalenti alle prime ordinanze e normative. Proprio in questi giorni è esploso un problema gravissimo, frutto degli errori del Governo Berlusconi, reiterati dal governo Monti e ancora non risolti.

Nel 2009 combattemmo per far sospendere le tasse e per una restituzione in tempi e percentuali adeguate alle necessità di un territorio colpito a morte. Il governo Berlusconi non trattò adeguatamente con la Commissione Europea e in questi giorni arriva dall’Agenzia delle entrate la richiesta di rapida restituzione delle tasse sospese alle imprese piccole e grandi. Impossibile adempiere. Serve uno sforzo ulteriore di questo governo per bloccare la procedura e riaprire la trattativa. Stanotte rivivrà il dolore con le fiaccole del ricordo, il 16 a L’Aquila manifesteremo perché l’Europa sia giusta nei nostri confronti. Chiediamo al Presidente Gentiloni di intervenire e di sostenerci.

Nel centro storico ci sono oltre 100 gru a testimoniare la rinascita e la rigenerazione di una bellissima ed indomita città. Avremo bisogno ancora dello Stato, del Governo e del Parlamento e so che il Pd sarà sempre dalla parte di chi vive, resiste e combatte. Così come solo con i nostri governi si è iniziata la vera prevenzione, con il sisma bonus e Casa Italia da rafforzare e rilanciare, con i 10 miliardi per le scuole antisismiche e speriamo a breve con il fascicolo del fabbricato. Serve una legge organica che dia subito ordinati strumenti per affrontare emergenze e ricostruzione. Ci lavoreremo ancora anche dall’opposizione. Nel 2019 conteremo 10 anni e L’Aquila e l’Italia meritano la soddisfazione di una ricostruzione inarrestabile.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli