Pioggia e frane feriscono la Calabria (FOTO)

Focus

Strade diventate fiumi, automobili in balia delle acque e frane. Oliverio: “Chiederemo lo stato di emergenza”

Continua a piovere in questa pazza estate 2015. Prima un mese di caldo africano, poi con l’arrivo d’agosto il maltempo si è abbattuto sulla penisola. Dopo i danni e i disagi al nord, l’ondata si è trasferita al sud, con nubifragi che hanno investito la costa jonica calabrese.

Particolarmente intensi i fenomeni temporaleschi nel nord della calabria, dove veri e propri nubifragi si sono abbattuti sulle cittadine di Rossano e Corigliano, nel cosentino. Una vera e propria ‘bomba d’acqua’ quella che ha investito le due cittadine costiere calabresi. Strade trasformate in fiumi, sottopassi allagati, lidi balneari spazzati via dalla furia degli elementi. A Rossano è esondato il torrente Citrea provocando l’isolamento dei quartieri Petra, Ciminata, Vallato e Toscano. Un gruppo di scout in gita con le tende è stato salvato in contrada di Rinacchio, nei pressi di Rossano. Nel palazzetto dello sport di Rossano è stato istituito un centro di primo soccorso, dove circa 500 sfollati, in gran parte turisti, passeranno la notte. Il sindaco di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci, fa appello alla cittadinanza: “Allerta alta, non uscite di casa”. Disagi anche sulla viabilità, con la statale 106 jonica allagata in diversi punti e la circolazione dei treni sulla linea ferroviaria Sibari-Crotone sospesa dalle 8 di questa mattina.

Il presidente della regione Calabria, Mario Oliverio, ha annunciato che chiederà “lo stato d’emergenza per la situazione drammatica che si è determinata” precisando che “i danni sono enormi: a strutture, attività balneari e abitazioni. Al momento non si registrano vittime fortunatamente”. “Ho ricevuto pieno sostegno e solidarietà dal presidente del Consiglio Matteo Renzi – aggiunge il governatore – che mi ha chiamato al telefono per avere un bilancio della situazione”.

La presidenza del Consiglio, secondo quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, segue attraverso l’unità di missione Italia sicura, il ministero dell’Ambiente e il dipartimento della Protezione civile gli sviluppi della situazione.

Nel pomeriggio il maltempo si è trasferito sulla costa tirrenica vibonese, dove un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina di Tropea. La pioggia ha devastato il litorale e mandato in tilt la cittadina affollata di turisti. Gli allagamenti hanno colpito lidi e villaggi siti nella zona marina con l’acqua che è caduta dalla parte alta della città riversandosi tra gli alloggi, le tende e l’arenile, travolgendo tutto, prima di terminare in mare.

L’allerta non è ancora passata, infatti per tutta la giornata di oggi dovrebbe continuare a piovere con il rischio di nuovi allagamenti. Le previsioni meteo annunciano un miglioramento a partire dal weekend.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli