La scelta di Puigdemont: tre ipotesi possibili su quello che succederà

Focus

Scade domani alle 10 l’ultimatum dato dal governo di Madrid

Domani è il giorno della scadenza dell’ultimatum. Entro domani alle 10 Carles Puigdemont dovrà finalmente esprimersi e dichiarare l’indipendenza della Catalogna oppure scegliere altre vie.

Nella stessa giornata, inoltre, il premier Rajoy sarà a Bruxelles per il vertice dei capi di Stato e di governo dell’Ue e inevitabilmente il tema della Catalogna finirà sul tavolo tra le altre questioni più urgenti. In questo modo il capo del governo spagnolo avrà modo di confrontarsi con i colleghi europei.

Secondo fonti governative, Rajoy punta a partire per il Consiglio europeo solo dopo aver appreso quale sarà la risposta di Puigdemont. Rimangono meno di 24 ore di tempo e il premier spagnolo punta a una mediazione con Barcellona per evitare lo scontro totale. Se Puigdemont rinuncerà alla dichiarazione di indipendenza e convocherà nuove elezioni, questa è la proposta dell’esecutivo spagnolo, Madrid rinuncerà alla richiesta di applicazione dell’articolo 155 della Costituzione. La soluzione migliore per il governo della Moncloa.

Ma per La Vanguardia ci sono altri due scenari possibili. La prima è che Puigdemont faccia marcia indietro, accetti la richiesta di Rajoy e “torni alla legalità” entro le 10 di domani. Un’ipotesi poco probabile: per il governo Catalano un gesto simile rappresenterebbe una vera e propria sconfitta politica.

La seconda ipotesi è che Puigdemont dichiari l’indipendenza della Catalogna definitivamente. In questo caso l’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione si renderebbe necessario. Sul contenuto della richiesta formale stanno lavorando in queste ore i tecnici dell’esecutivo e verrà poi condivisa con i rappresentanti degli altri partiti di opposizione, Albert Rivera di Ciudadanos e il socialista Pedro Sánchez.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli