La voce che non sentiremo più. Se n’è andato Massimo Bordin

Focus

Scompare l’animatore della prestigiosa rassegna stampa di Radio Radicale

Non è di circostanza esprimere un grande dolore per la morte di Massimo Bordin, 67 anni, “anima” di Radio Radicale – è sua la più bella rassegna stampa radiofonica di sempre. Ed è un destino cinico e violento quello che vede la scomparsa di Bordin proprio nel momento della massima incertezza per la vita della sua radio (per colpa di questi al governo che vogliono azzerare la convenzione): come se Massimo non potesse vivere senza Radio Radicale, e probabilmente viceversa.

Chiunque sia appassionato di politica avrà ascoltato la voce roca, romana, ironica, puntuta di Massimo Bordin. Un fior di giornalista, e un gran galantuomo. Coerente oltre la coerenza, fino alla testardaggine – è un tratto dei radicali – uomo coltissimo, profondo conoscitore dalla storia della politica e della sinistra in particolare – da giovane era stato trotzkista – e dunque sempre in grado di cogliere in fallo tutti i partiti, senza eccezione: nel nome, appunto, di una precisa e coerente linea.

La sua “Stampa e regime” era ormai un classico. Diciamo pure che per anni è stata il piatto forte di Radio Radicale, secondo solo alle memorabili, lunghissime, trasmissioni con Bordin-spalla (ma che spalla!) e Marco Pannella: ricordiamo Bordin fuori onda dire al leader: “Sbrighiamoci, oggi abbiamo solo 50 minuti”. Era severo, Bordin, quando polemizzava. Duro. Come accade alle persone più dolci.

Era diventata la voce dei Radicali: si disse persino che Pannella ne fosse infastidito. Ma Bordin di fare il prim’attore non ne ebbe mai voglia, mai nessun protagonismo, da vero uomo d’altri tempi. Uno così poteva diventare una star dei talk show, per dire. Macché: lui preferiva l’ombra delle stanze di Torre Argentina, l’eterna sigaretta fra le labbra. Con la passione di sempre.

Con Massimo Bordin se ne va dunque un gran personaggio, e lo scriviamo con la pelle d’oca, pensando a domani mattina, quando non accenderemo più la radio per ascoltare la sua rassegna stampa.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli