Lanzalone, l’uomo dei tre ministri

Focus
Lanzalone Di Maio

Luca Lanzalone è una delle figure al centro dell’inchiesta sullo stadio della Roma e del sistema di potere del Movimento 5 stelle

Luca Lanzalone doveva essere l’uomo che risolve tutti i problemi. Ora è diventato quello che ne sta creando più di tutti gli altri. Le dimissioni annunciate oggi dalla guida di Acea non riusciranno a placare le polemiche. In un passaggio dell’ordinanza di custodia cautelare destinata al superconsulente del M5s che ha fatto da mediatore nella vicenda dello stadio della Roma, il gip sottolinea come ci siano “elementi concreti per ritenere che le figure istituzionali interessate, a cominciare dal sindaco Raggi, non solo hanno tollerato tale funzione di fatto esercitata, ma al contrario le hanno dato piena legittimazione”.

Dal Campidoglio a Palazzo Chigi

Il Campidoglio trema, ma è sul governo che lo sciame sismico rischia di infrangersi. Lanzalone era stato portato nel Movimento dall’attuale ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, che già lo aveva sponsorizzato a Livorno con il sindaco Filippo Nogarin. Ed è sempre Bonafede, questa volta con l’aiuto dell’attuale ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, a portarlo a Roma per consulenze e mediazioni che gli valsero, appunto, la presidenza della Acea. Una figura “imposta” all’amministrazione grillina, dunque. Almeno stando alle frasi attribuite alla Raggi da Repubblica: “Non lo conoscevo – si sarebbe sfogata – me l’hanno imposto loro”.

Sempre da un’intervista pubblicata dal quotidiano diretto da Mario Calabresi arriva un’altra tegola. Questa volta le parole sono di Roberta Lombardi che assegna le responsabilità della vicenda a “chi ha portato Lanzalone a contatto con il Movimento, affidandogli incarichi delicati e facendolo diventare presidente di Acea”. “Lanzalone – spiega l’ex candidata alla Regione Lazio – è entrato in contatto con il gruppo che gestiva gli enti locali, da Livorno, dove ha lavorato bene per il risanamento dell’Aamps, fino a Roma, dove dopo il caso Marra fu messo a controllare tutto quello che Raggi aveva firmato nei mesi in cui lo aveva avuto come braccio destro”. “Quindi Di Maio, Fraccaro e Bonafede. Erano loro a occuparsene”, gli ricorda il quotidiano. “Ho detto: il gruppo degli enti locali”, precisa lei.

Anche Cristina Grancio, la consigliera comunale che fu espulsa dal Movimento per un post pubblicato su Facebook, quando era membro della Commissione Urbanistica del Comune, proprio sul caso dello stadio della Roma punta il dito contro i due ministri: “Lanzalone ci fu presentato da Fraccaro e Bonafede quando vennero un giorno in commissione urbanistica. Ma visto che l’avvocato che curò la pratica è di Genova forse la decisione fu direttamente di Grillo”.

I sospetti che portano al cuore del Movimento

Al momento non si conoscono i dettagli dell’inchiesta. Ma la paura tra i 5s è che nelle intercettazioni siano finiti, oltre a Bonafede e Fraccaro, anche lo stesso vicepremier Luigi Di Maio. O, peggio ancora, Davide Casaleggio. Di certo il filo che lega Lanzalone al vertice del Movimento è molto saldo. È stato lui a scrivere il nuovo statuto del Movimento ed è stato lui ad inventarsi l’idea della seconda associazione, quella creata il 20 dicembre scorso e di cui Di Maio è legale rappresentante pro tempore in qualità di capo politico. Non solo. Lui, Lanzalone, dice di non conoscere né Di Maio, né Casaleggio ma in un’altra intercettazione l’imprenditore Luca Parnasi, anche lui arrestato, parlando con il faccendiere Luigi Bisignani e con l’imprenditore Salini, ne elogia la capacità mostrata nel sbloccare l’impasse che si era venuta a creare proprio sullo stadio: “È stato messo a Roma da Grillo, insieme al professor Fraccaro e a Bonafede”, lo si sente affermare.

Lanzalone “premiato” da di Di Maio

Oggi in un’intervista a Rtl Di Maio ha spiegato candidamente che la scelta di nominare Lanzalone alla presidenza di Acea fu ‘un premio’ per aver ben collaborato col Movimento. Come ha sottolineato il presidente del Pd, Matteo Orfini, apprendiamo “per bocca dello stesso Di Maio, che la scelta fu fatta da lui, e non dall’inesistente Raggi, non per criteri di merito ma per ripagare un suo uomo”. Altrettanto critico il commento del deputato dem Michele Anzaldi che definisce le parole del leader grillino “gravissime” e tali da essere valutate dalla magistratura per l’acquisizione. Il motivo è semplice, spiega Anzaldi: “Può un’azienda quotata, la più grande del Comune di Roma e tra le principali in Italia, diventare un ‘premio’ politico?”.

Il M5s risponda

Ora il Movimento 5 stelle dovrebbe mettere fine alle accuse incrociate e iniziare a dare risposte. Richiesta di chiarimenti è stata presentata al Senato dal capogruppo Pd, Andrea Marcucci.”Il ministro della Giustizia non può convivere con queste macchie – spiega il presidente dei senatori dem – meglio che venga subito in Aula a chiarire la sua posizione e le sue relazioni”.
Per ora la conseguenza più evidente dell’inchiesta sono state le dimissioni di Lanzalone dalla presidenza Acea, scelta arrivata nel primo pomeriggio di oggi e che ha fatto perdere al titolo della multiutility romana l’1,45% in borsa.

 

Leggi anche <<< Lanzalone lascia Acea. Chi è il Mr Wolf mandato da Grillo a Roma >>>

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli