Legge di bilancio: neanche un euro per le famiglie, e più tasse per le imprese

Focus

Sei miliardi in più di tasse per le imprese, più deficit e nessun piano di investimenti ma solo assistenzialismo: ecco la manovra economica di Lega e 5Stelle

Servono a poco slogan e pugni alzati: i fatti ci dicono che le promesse elettorali di Lega e 5 Stelle di abbassare le tasse a famiglie e imprese sono rimaste, appunto, promesse. La legge di bilancio del governo gialloverde è, in realtà, una iattura sia per le une sia per le altre, impossibile, dunque, che aiuti il Paese a raggiungere quegli obbiettivi di crescita che sono stati previsti dal governo. Una famiglia che vive di lavoro dipendente non ha un solo euro di vantaggio da questa legge di bilancio, mentre le imprese si ritrovano addirittura oltre 6 miliardi di euro in più di tasse.

 

Imprese svantaggiate, 6 miliardi di tasse in più

Qualche giorno fa, a Stasera Italia su Rete 4, la sottosegretaria leghista Lucia Borgonzoni ha collezionato una figuraccia nel confronto tv con il deputato Pd Luigi Marattin, il quale, citando i dati Istat, ha rimarcato come la legge di bilancio 2019 aumenti il carico fiscale sulle imprese, mentre da Bergonzoni sono arrivate non repliche puntuali, ma i soliti triti e ritriti slogan anti-Pd.

Nel dossier Istat, pubblicato il 12 novembre, non ci sono, però, slogan, bensì l'”Analisi dei principali provvedimenti fiscali sulle imprese. È qui che si legge: “Complessivamente, nel 2019, circa il 37% delle imprese e dei gruppi fiscali risulta svantaggiato dalle nuove norme, mentre solo il 7% ne è avvantaggiato. L’aggravio medio di imposta è pari al ,1%: l’introduzione della mini-IRES (-1,7%) non compensa gli effetti dell’abrogazione dell’ACE (+2,3%) e della mancata proroga del maxi-ammortamento (+1,5%)”.

 

Analisi Ufficio Parlamentare Bilanci

Analisi dell’Ufficio Parlamentare di Bilanci

Legge di bilancio inutile e pericolosa

Come se non bastasse, ai dati Istat, che smentiscono le rassicurazioni del governo, si aggiunge l’analisi ufficiale dell’Ufficio Parlamentare di Bilanci. “Anche questo documento – spiega Marattin – dimostra che il complesso delle misure adottate dalla manovra per la tassazione di impresa aumenterà nel 2019 il carico tributario di 6,143 miliardi. Questa legge di bilancio è pericolosa e inutile: fa crescere il deficit di un terzo (da 1.8% a 2.4%) e il deficit in più sarà usato malissimo; non riduce le tasse, nonostante abbiano preso i voti promettendo il 15% di Irpef per 40 milioni di italiani, non prevede nessun ‘grande piano di investimenti pubblici’, anzi la maggiore spesa in conto capitale – al netto dei tagli – è pari a 1,4 miliardi (lo 0,07% del Pil). La metà di quello che varrebbe lo sblocco della Tav”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli